F1. Caso gomme: Mercedes e Pirelli davanti al tribunale Fia

La Mercedes e la Pirelli dovranno comparire davanti al tribunale internazionale della Fia per il caso dei test sugli pneumatici effettuati dal 15 al 17 di maggio sul circuito spagnolo di Barcellona. Lo ha deciso la Federazione internazionale dell’Automobile a seguito dei reclami sporti dalla Ferrari e dalla Red Bull. Mercedes e Pirelli avevano effettuato tre giorni di test con le gomme di formula uno, per complessivi 1.000 chilometri, test richiesti dal fornitore unico di pneumatici. I test, contrariamente a quanto prevede il regolamento sono stati, tuttavia, effettuati con la monoposto 2013 della Mercedes, e non con quella di due anni fa. Da qui il reclamo delle scuderie concorrenti che hanno visto nell’impiego della vettura attualmente in pista per il mondiale 2013 e dei due piloti titolari, Lewis Hamilton e Nico Rosberg, il chiaro intento della casa tedesca di migliorare le proprie prestazioni in corso d’anno, cosa proibita dal regolamento.
La Fia, in un comunicato, ha detto di aver deciso di portare avanti il caso, dopo una lunga inchiesta condotta a seguito dei reclami di Ferrari e Red Bull. Nel corso dell’indagine condotta dalla Fia, era emerso che la stessa Ferrari aveva fatto 1.000 chilometri di test con le Pirelli, nel mese di aprile, sempre sul circuito di Barcellona, impiegando, tuttavia, la monoposto del 2011. Da qui, la decisione della Fia di non procedere nei confronti della scuderia italiana, che si e’ attenuta strettamente al regolamento. La Fia non ha fissato una data per il procedimento davanti al tribunale internazionale, che potrebbe adottare misure pesanti in caso di violazione del regolamento.

fonte: Agi

Condividi