Equipe Campania, chiusa la prima settimana di lavoro a Mugnano

Si è chiusa questa mattina al “Vallefuoco” la prima settimana di ritiro dell’AIC EquipeCampania (sezione Mugnano). Il gruppo, dopo un lavoro atletico curato dal Prof. Franco Esposito, ha svolto successivamente esercizi tecnico-tattici e psicocinetici agli ordini dei tecnici Supino, Pignalosa e Rinaldis. Finalino col primo test in famiglia impreziosito dalla partecipazione di diversi under di belle speranze.

Presenti, tra gli altri, Ds e segretario dell’Albanova, Francesco Mennitto e Pino Tammaro. Sono entrati a far parte del roster anche il centrocampista classe ’98 ex Puteolana ed Aversa, Roberto Palumbo, lo scorso anno alla Mariglianese dove ha totalizzato 27 presenze e due reti, e il numero uno classe ’94 Diamante Crispino, reduce dall’avventura alla Pianese in D ma con tanta esperienza tra i professionisti.

Nel frattempo, il difensore classe ’98 Andrea Avella è stato tesserato dalla Puteolana, mentre l’esterno d’attacco classe ’96 Giovanni Romano resterà aggregato ancora qualche giorno al gruppo mugnanese prima di raggiungere il Termoli, sua nuova squadra. Dopo il riposo domenicale, gli atleti del Responsabile tecnico Guglielmo Tudisco riprenderanno ad allenarsi lunedì pomeriggio.

A Casa Equipe Campania sono intervenuti due dei pilastri della Puteolana fresca di promozione in serie D, Edoardo Catinali e Carlo Gioielli. Il primo proseguirà il proprio cammino coi granata, il secondo rinforzerà il Villa Literno. “Non era facile vincere anche in virtù del nuovo format – esordisce Catinali -. Per fortuna alla fine ce l’abbiamo fatta ed è stato merito di tutti aver raggiunto questo obiettivo.

Fino a dicembre ho passato l’inverosimile e venire a Pozzuoli è stata una liberazione. Qui si può fare calcio in modo serio grazie ad una società solida e ai tifosi che ci danno un apporto fondamentale. Resterò alla Puteolana ed è un motivo di grande orgoglio per me. Ora sono qui all’Equipe per mettere un po’ di ossigeno in corpo e prepararmi bene alla prossima stagione. Ringrazio per l’opportunità Antonio Trovato, il quale fornisce un servizio importante anche per tanti calciatori tesserati ma che vogliono già iniziare ad allenarsi. Qui siamo una famiglia e c’è grande organizzazione”.

“E’ stata una emozione indescrivibile perché, dopo i due rigori sbagliati, pensavamo ormai di essere fuori – racconta Gioielli -. Poi la sorte ci ha premiati. Sono entrato giusto per tirare il rigore, visto l’infortunio da cui ero reduce. E mi è andata bene. Vado a Villa Literno, dove il club sta allestendo una buona squadra. L’importante sarà formare un bel gruppo, poi vedremo quello che verrà. Saluto tutti i tifosi della Puteolana che mi sono stati sempre vicini anche nei momenti difficili. Per me è un motivo di orgoglio aver vinto a Pozzuoli, che reputo casa mia. L’Equipe? Venire qui è ormai un rito per me, anche se di solito ci arrivo quando ho già trovato squadra. Ma per me è irrinunciabile allenarmi con questo gruppo”.