Dov’eravamo un anno fa – Benevento, tra difficoltà e corsa playoff

Con i campionati fermi a causa dell’emergenza Coronavirus, quale migliore occasione di questa “pausa forzata” per fare un bilancio? A tal proposito, SportCampania inaugura la rubrica “Dov’eravamo un anno fa”, che mette a confronto l’andamento attuale delle compagini campane dalla A alla D con quello dello scorso campionato a questo punto della stagione.

Il Benevento lo scorso anno era allenato da Christian Bucchi, allenatore giovane e propositivo che veniva dall’esperienza con il Sassuolo. Tecnico giovane a cui piace tanto giocare con i giovani, l’ideale per ripartire o almeno era questa l’idea della dirigenza Sannita.

Questa stagione, la squadra è affidata a Pippo Inzaghi. Su di lui si già tutto almeno per il Pippo calciatore, da allenatore era alla ricerca della giusta consacrazione. Squadra fortissima quella a lui affidata, di un’altra categoria.

Analizzando il percorso delle due squadre in proporzione alle partite giocate fin ora, cioè 28 siamo giunti a questa conclusione.

La squadra di Bucchi alla giornata 28 aveva 43 punti, era 5 in classifica e aveva vinto 12 partite. Fino a quel momento 7 sconfitte e 7 pareggi fecere storcere il naso a più di un tifoso. La squadra veniva a mancare specialmente nei big match, non mancava tanto il gioco ma il fattore mentale. In coppa Italia riuscì a spingersi fino agli ottavi, lì trovo l’Inter che a San Siro annienta la Strega.

Quest’anno la squadra di Inzaghi ha numeri altisonanti. 21 vittorie, 6 pareggi e una sconfitta sono numeri davvero mostruosi ed irraggiungibili. La squadra ha ben 69 punti, 26 in più rispetto a quella della passata stagione. Il Benevento di Inzaghi non molla mai, fame costante di record e grandi motivazioni le armi principali della Strega. In coppa la situazione è ben diversa, il Benevento è stato infatti eliminato dal Monza al Secondo turno.

Photo-Mario Taddeo Official website Benevento