Confederations Cup. Pirlo e Balotelli stendono il Messico

I piu’ attesi erano loro e sono proprio Pirlo e Balotelli a regalare agli azzurri una bella vittoria nel debutto in Confederations Cup. L’Italia batte 2-1 il Messico al Maracana’, al termine di una partita ben giocata, ma portata a casa soltanto al 78′ con il gol di forza di “SuperMario”. Successo di misura, ma meritato, perche’ la squadra di Prandelli ha condotto il gioco per 90 minuti, ha sbloccato il risultato con una magia di Pirlo e ha subito il pari su un errore di Barzagli dal quale e’ nato il rigore trasformato da Hernandez. Promossi, comunque, gli azzurri che scendono in campo con Balotelli, recuperato, terminale offensivo del 4-3-2-1 disegnato dal ct con Giaccherini e Marchisio alle sue spalle. A centrocampo Pirlo (100esima in azzurro) con Montolivo e De Rossi interni.
Messico con il 4-2-3-1, Giovani Dos Santos si piazza alle spalle di Hernandez e sono loro i due giocatori da tenere maggiormente d’occhio. Buon avvio degli azzurri, la difesa messicana sbanda paurosamente. Al 5′ capitan Rodriguez regala palla a Balotelli che sbaglia il pallonetto, poi e’ Montolivo a offrire un buon pallone a “SuperMario”, ma Corona e’ bravo a respingere in tuffo il suo sinistro. Dopo un tentativo di Giaccherini, il 9 azzurro ci riprova ma e’ ancora il portiere ad avere la meglio. Siamo appena al 9′, Italia padrona del campo, ma al primo affondo Guardado colpisce la parte superiore della traversa. Sono comunque i vice-campioni d’Europa a condurre il gioco, al 17′ ignorato un rigore su Pirlo che, al 27′, inventa una gran punizione che fa secco Corona: 1-0 per l’Italia che merita ampiamente il vantaggio. Al 33′, pero’, grave errore di Barzagli, ne approfitta Dos Santos che si guadagna il rigore che, al 34′, Hernandez realizza per l’1-1. Gli azzurri non ci stanno, tornano a costruire ma si va all’intervallo sull’1-1. Nessun cambio nella ripresa, ritmi comprensibilmente piu’ bassi e Italia pericolosa con Montolivo e ancora su una punizione di Pirlo. Prandelli inserisce Cerci per uno spento Marchisio. Meno lucida ma sempre propositiva, la Nazionale continua a cercare il gol e lo trova al 33′ con Balotelli che sulla palla di Giaccherini fa valere la sua forza e di destro sigla il gol del 2-1. Finisce cosi’, ottimo inizio, al Maracana’ l’Italia non aveva mai segnato, ne fa 2 e porta a casa i 3 punti grazie alle sue stelle: “mago” Pirlo e “SuperMario”.

fonte: Agi

Condividi