Con Benitez potrebbero tornare Cigarini e Fernandez

E’stato voluto fortemente da Roberto Donadoni per poi non rientrare nei piani di Walter Mazzarri e cominciare il suo peregrinare tra Siviglia e Bergamo. Luca Cigarini, regista di proprietà del Napoli, potrebbe tornare molto utile alla causa azzurra in caso di approdo nel capoluogo campano di Rafael Benitez. Il centrocampista, che lo scorso anno ha vestito la maglia dell’Atalanta guadagnandosi anche la convocazione di Prandelli in Nazionale, non aveva le caratteristiche adatte al modulo di Mazzarri che necessitava, al centro del campo, maggiore quantità piuttosto che qualità.

Ebbene, stando a quanto riportato dall’edizione odierna di “Tuttosport”, con l’avvento di Benitez e con il suo 4-2-3-1, ci sarà bisogno di costruttori di gioco in mediana; necessitano calciatori dal piede vellutato che sappiano come trattare il pallone e che siano in grado di impostare la manovra. Cigarini, sin da quando era un calciatore in erba, è stato definito dagli addetti ai lavori il “nuovo Pirlo”.

Un appellativo che pesa sulle sue spalle ma che pian piano diventa sempre più condivisibile. I numeri ci sono ed il tecnico dell’Atalanta, Colantuono, ha saputo valorizzare le sue qualità tecniche. Chissà che Benitez non decida di tenerselo stretto e di affidargli le redini della manovra azzurra.

E con Cigarini potrebbe tornare alla base anche Federico Fernandez, attualmente in prestito al Getafe. Il difensore argentino, come riporta l’edizione odierna de “Il Mattino”, sarebbe l’ideale in una difesa a quattro. Fernandez possiede un gran talento rimasto inespresso a Napoli (Mazzarri lo ha sempre schierato in una difesa a tre e non sempre da centrale, ndr) ma che in Spagna ha dato importanti segnali di vita.

Non è certo per caso che Fernandez sia il pilastro difensivo della nazionale argentina.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *