Club Eden. Luigi Imperatore: “Ecco perchè sono tornato”

A tutto Luigi Imperatore: il punto con il neo tecnico granata alla scoperta delle motivazioni che lo hanno spinto a tornare sulla panchina del Club Eden
Dopo aver guidato il Club Eden in serie B, cosa l’ha spinto a riabbracciare questo progetto ripartendo, addirittura, dalla serie D?
“Avevo lasciato questo sport da un po’ di tempo; non ci trovavo più gusto, non era più la stessa cosa. Ho deciso di rimettermi in gioco grazie alla chiamata del Club Eden e su questo posso dire che nonostante le discussioni che sono sorte in passato, sono rimasto in buoni rapporti con la società e sempre legato a questa squadra e quando ho ricevuto la chiamata non ho saputo rifiutare: qui è rimasto un pezzettino del mio cuore!
Dar√≥ il massimo per ragazzi con la voglia di portare in alto il nome di Acerra e del Club Eden onorando la maglia.”
Tre punti in due partite: passo falso dopo un eccellente primo tempo nel derby e la vittoria nello scontro diretto con lo Sport&Vita; dove può arrivare questa squadra?
“Non ho avuto tantissimo tempo per incidere la mia impronta sul derby. Il campionato è iniziato ma, purtroppo, siamo ancora in piena preparazione per arrivare al top in un tempo non lontanissimo. Stiamo lavorando sodo, con tanta umiltà e tanta voglia. Per quanto riguarda il campionato non ci siamo prefissati un obiettivo preciso; di sicuro quest’anno sarà un trampolino di lancio per il Club Eden.”
Ormai da oltre una settimana siamo in pieno mercato: dove si può migliorare questa squadra? Dopo Terrecuso e Tardi, ci saranno altri movimenti di mercato?
“Si può migliorare sotto il punto di vista dell’esperienza; servirebbero due o tre giocatori che facciano da guida alla squadra. Per quanto riguarda il mercato, dopo Tardi e Terreccuso, arriveranno altri due calcettisti acerrani; inoltre siamo in cerca, almeno per il momento, di un pivot esperto che possa aumentare il potenziale del nostro, già rispettabilissimo, organico.”