Catania-Cagliari 1-1. Pari giusto, a Vecino risponde Bergessio

Giusto pareggio al Massimino di Catania tra i rossazzurri di casa e il Cagliari. Una divisione della posta che accontenta di piu’ gli ospiti rispetto alla squadra di Maran, alla quale sarebbe servito il risultato pieno per rilanciarsi in chiave salvezza. La prima conclusione porta la firma di Marco Sau, ben imbeccato da un lancio sul filo del fuorigioco di Conti, ma Andujar para in presa. Per gran parte del primo tempo il match prosegue senza sussulti, con le due squadre che coprono gli spazi senza mai rendersi pericolose.
Solo dopo 24′ minuti si fa vivo anche il Catania in zona goal, grazie a Lodi, il quale fallisce clamorosamente una conclusione da posizione favorevole. Il centrocampista catanese prova a sbloccare due minuti dopo su punizione dal limite, ma la sua prodezza viene deviata in calcio d’angolo da un bravissimo Avramov. Il Catania prende in mano il pallino del gioco e spinge sull’acceleratore, anche se il Cagliari con Sau e Nene’ e’ sempre temibile in contropiede. E proprio Sau al 35′ e’ bravo a girarsi molto bene in area e a concludere, anche se il suo tiro finisce alto. Nella ripresa e’ la formazione di Lopez a partire forte ed a portarsi subito in vantaggio con l’ex fiorentino Vecino (al suo secondo goal consecutivo), bravo a girare in rete un tocco fortuito di Marco Sau. Pronta la risposta di Rolando Maran, il quale avvicenda gli esterni offensivi, inseredo Leto e Fedato al posto di Keko e Barrientos. Subito si vedono i risultati, visto che sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto dal solito Lodi, Bergessio tocca di testa e batte il portiere del Cagliari Avramov. Alla mezz’ora Avelar si fa espellere per doppia ammonizione e gli uomini di Maran provano a vincere la partita e ci vanno molto vicini prima con Biraghi, la cui conclusione violentissima si stampa sul palo, e poi con Rolin di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la cui conclusione finisce sulla traversa. Il Catania continua a premere e si avvicina ancora al goal con Rolin, sempre in mischia, ma questa volta e’ molto bravo Dessena nell’anticipo in calcio d’angolo.
Conti e compagni pero’ stringono i denti fino all’ultimo dei quattro minuti di recupero e portano a casa un meritato e sofferto pareggio. Per il Catania il rammarico di non aver sfruttato il primo tempo di una partita dominata soprattutto dopo essere passato in svantaggio.