Avellino. Mercato chiuso, ma potrebbe esserci ancora una sorpresa.

Il Diesse De Vito ci ha provato fino alla fine. Voleva portare ad Avellino un attaccante capace di rinforzare il reparto avanzato a disposizione di Mister Rastelli ma, almeno per il momento, non ci è riuscito. Dopo aver scartato l’ipotesi Raimondi, proposto dal Padova, il Direttore Sportivo biancoverde era riuscito a trovare l’accordo con l’Atalanta per Guido Marilungo ma il giocatore, nonostante le pressioni del Diesse orobico Pierpaolo Marino, ha preferito non sportarsi da Bergamo. Fallito anche il tentativo per l’attaccante della Sampdoria Juan Antonio, visto che l’argentino, in extremis, ha preferito accasarsi al Brescia. De Vito, però, non è tipo da arrendersi facilmente e continua a coltivare l’idea di portare all’ombra del Partenio un altro centravanti, magari pescandolo nella folta schiera degli svincolati. Il nome più gettonato, al momento, è quello di Salvatore Foti, l’anno scorso al Lecce ma attualmente privo di squadra. L’ex attaccante della Sampdoria aveva confermato di essere stato molto vicino al trasferimento in irpinia, ma poi tutto era saltato perch√© il club biancoverde non era riuscito a cedere un Over 30. Nulla è ancora compromesso, perch√© il giocatore, in quanto svincolato, è ancora acquistabile ma, verosimilmente, l’ostacolo più grosso alla definizione della trattativa resta Biancolino, che difficilmente accetterebbe una rescissione contrattuale con i Lupi per far posto al centravanti palermitano. Secondo alcune indiscrezioni, poi, De Vito potrebbe acquistare tra gli svincolati, anche un difensore, Michele Ferri, ex Atalanta, più volte accostato al club irpino. Il giocatore, però, percepisce un ingaggio molto elevato e, ameno che non ridimensioni le proprie pretese, difficilmente vestirà la casacca biancoverde. Bisogna anche dire che il difensore, in un’ intervista rilasciata ai colleghi di tuttomercatoweb.com, ha dichiarato di aver appreso dai giornali dell’interessse dell’Avellino, ma di non aver avuto nessun incontro ufficiale con la società irpina.