Avellino. Finalmente si torna a vincere. Castaldo: Le mie erano lacrime di gioia

Nell’anticipo di ieri l’ Avellino è riuscito nell’impresa di battere l’Empoli in trasferta grazie ad un gol di Armando Izzo, cogliendo cos√¨ la prima vittoria del 2014. Al Castellani Rastelli ha stupito tutti, schierando i Lupi con un insolito 4-3-1-2 con Bittante sulla linea dei difensori ed il belga Ladrière alle spalle di Ciano e Castaldo. Nel primo tempo la gara si è svolta secondo copione, con l’Empoli che badava ad una supremazia territoriale piuttosto sterile, se si eccettua un tentativo di Croce ben neutralizzato da Terracciano, e l’Avellino che cercava di far male nelle ripartenze, in modo particolare con Castaldo. Nel secondo tempo, all’11’, i biancoverdi irpini hanno trovato il gol del vantaggio grazie ad un bel colpo di testa di Izzo su calcio d’angolo velenoso battuto da Ciano. A questo punto i toscani hanno subito provato a rientrare in partita, prima con Maccarone e poi con Tavano che, a tu per tu con Terracciano, si è lasciato ipnotizzare dall’estremo difensore dei Lupi. La partita ha cominciato ad incattivirsi, ne hanno fatto le spese i padroni di casa che hanno terminato la gara in 9 a causa delle espulsioni di Laurini e Croce. L’Avellino, comunque, è riuscito ad arginare le sfuriate dei toscani, portando a casa una preziosa vittoria che rilancia le ambizioni playoff degli irpini. A fine gara Gigi Castaldo, uscito in lacrime dal terreno di gioco, ha voluto spiegare il perch√© del suo gesto: Le mie erano lacrime di gioia, di liberazione, dopo la tanta rabbia accumulata in settimana per tutto quello che ci era successo in precedenza. Abbiamo fatto tanti sacrifici per tornare alla vittoria e finalmente ci siamo riusciti, il mio è stato uno sfogo nervoso. Dopo tante amarezze ci voleva proprio.

Antonio Di Maio