America’s Cup. Luna Rossa protesta contro Direttore di Regata

Oggi il team Luna Rossa Challenge 2013 presentera’ una protesta alla Giuria Internazionale della 34esima America’s Cup chiedendo l’annullamento delle regole introdotte dal Direttore di Regata venerdi’ 29 Giugno (Regatta Notice 185 e 189). Come si legge in una nota: “Luna Rossa considera che, pubblicando questi documenti, il Direttore di Regata abbia sfacciatamente violato i regolamenti che reggono la 34esima America’s Cup, eccedendo la sua giurisdizione e la sua autorita’. Come e’ universalmente noto -prosegue la nota di Luna Rossa-, uno dei pilastri fondamentali di qualunque America’s Cup e’ il Regolamento di Classe, regolamento che viene proposto dal Defender ed e’ accettato dai challenger al momento in cui lanciano la sfida”. “Queste regole possono essere cambiate unicamente con il consenso unanime dei team concorrenti (Art. 4 del Regolamento di Classe degli AC72), come e’ successo per oltre una dozzina di emendamenti introdotti durante questa Coppa -spiega Luna Rossa-. Questa e’ una garanzia fondamentale a tutela dei diritti dei challengers. Lo scopo di questa norma e’ di impedire al Defender, o a qualunque terzo, di cambiare le regole del gioco improvvisamente e/o unilateralmente, come il Direttore di Regata sta tentando di fare in questo caso: il suo e’ un chiaro tentativo di mettere fuori stazza la nostra barca, a soli pochi giorni dall’inizio delle regate, con la scusa della sicurezza”. Luna Rossa si dice “assolutamente favorevole all’introduzione di nuove e piu’ severe norme di sicurezza (ha votato in favore di 35 delle 37 Raccomandazioni del Direttore di Regata), ma le regole relative ai timoni, agli elevatori dei timoni nonche’ al maggior dislocamento non hanno nulla a che vedere con la sicurezza; il loro unico effetto e la loro sola ragione di essere e’ quello di aumentare la velocita’ e le performance della barca”.

Condividi