Sant’Antonio Abate-SC Ercolanese. Dopo la rissa, le decisioni del Giudice Sportivo

Nuovo capitolo per la gara Sant’Antonio Abate-SC Ercolanese (LEGGI QUI). Nella giornata di ieri è stato diramato il referto delle sentenze del Giudice Sportivo Territoriale.

Ammenda per entrambe le società di 1000 euro, per l’intemperanze dei rispettivi tifosi, ma anche il risarcimento danni da parte del Sant’Antonio Abate all’SC Ercolanese, ma anche la disputa delle prossime due gare di campionato a porte chiuse. Anche questa sentenze è per entrambe le società. Questi potrebbero essere solo i primi provvedimenti, infatti tutto dipenderà anche da eventuali nuove comunicazioni da parte dei Carabinieri.

Inoltre, per quel che riguarda la gara, è prevista la ripresa a partire dal risultato di 1-3, cioè il risultato esatto all’intervallo e prima della sospensione.

Queste le motivazioni:

rilevato che:

a) la gara veniva sospesa all’intervallo in quanto, mentre la terna si trovava nello spogliatoio veniva comunicato al DDG dal responsabile dell’ordine pubblico, Maresciallo dei CC, che sul tdg erano presenti alcuni tifosi di entrambe le Società che, dopo aver scavalcato le recinzioni, erano venuti allo scontro fisico e che la situazione di pericolo non consentiva di rispendere la gara in sicurezza;

b) detta comunicazione avveniva dopo circa 8 minuti dall’intervallo;

c) il DDG riferisce che dall’interno dello spogliatoio si udivano le urla e i rumori causati dal tafferuglio;

d) dopo circa 20 minuti dall’intervallo il predetto responsabile dell’ordine pubblico, Maresciallo dei CC, comunicava al DDG che la situazione non era ancora sotto controllo e che la condizione di pericolo non consentiva la ripresa della gara;

e) il DDG, in esito a tale dichiarazione, comunicava ai due capitani che l partita non poteva essere ripresa per motivi di ordine pubblico e quindi veniva sospesa;

f) successivamente un dirigente della Società Sporting Club Ercolanese comunicava al DDG che il pullman che trasportava i tesserati della stessa, aveva subito dei danni e richiedeva al DDG di prenderne visione;

g) il DDG, accompagnato dai CC, raggiungeva il pullman utilizzato dalla Società Sporting Club Ercolanese per il trasporto dei propri tesserati, situato nel parcheggio esterno all’impianto, e rilevava che il pullman presentava il vetro del parabrezza quasi completamente frantumato, cosi come in diversi punti i vetri dei finestrini laterali e della porta anteriore