Sant’Agnello. Arriva la decisione societaria su Guarracino

Antonio Guarracino non sarà più l’allenatore del Sant’Agnello. Troppo grave e da censurare quanto accaduto al termine della gara contro il Pompei Soccer, per il campionato di Promozione girone B, per potete essere perdonato dai vertici del club. A breve il Sant’Agnello della famiglia Negri, persone che da sempre si sono distinte per i loro impegni con i giovani, per il sociale e per ogni attività volta contro atti di discriminazione e violenza, comunicherà l’esonero all’allenatore.

Troppo grave quanto accaduto lo scorso weekend con l’ex trainer di Mariglianese e Sorrento che, come sancito dal Giudice Sportivo che gli ha inflitto 6 giornate di squalifica: ”Al termine della gara dopo una ressa tra giocatori, trascinava il capitano della propria squadra verso la panchina e lo aggrediva con estrema violenza con schiaffi e pugni al volto. La sanzione è irrogata con aggravamento in quanto il soggetto in questione, nonostante la sua figura di responsabilità ed esempio nei confronti dell’intero gruppo, ha tenuto un comportamento estremamente grave e violento nei confronti del soggetto che era anche il capitano”.

Vittima della violenza inaudita e ingiustificata di Guarracino è stato il giovanissimo Alessandro Ferraro, capitano del Sant’Agnello, tutt’ora sotto choc per quanto avvenuto nel corso della gara contro il Pompei Soccer, che con la sua famiglia sta vagliando l’ipotesi di sporgere anche denuncia nei confronti dell’allenatore. Una violenza ingiustificata che non ha nulla a che fare con il mondo del calcio, condannata forse in maniera anche troppo lieve dal giudice sportivo.

Guarracino conclude così nel peggiore dei modi, con una macchia indelebile, un’avventura che già non era iniziata nel migliore dei modi, basti pensare alla retrocessione del Sant’Agnello dall’Eccellenza in Promozione, con lo stesso che sarà ricordato quasi esclusivamente per questo episodio gravissimo più che per i suoi, mai esaltanti, risultati sul rettangolo verde di gioco.

LEGGI ANCHE:

SANT’AGNELLO. “COMPORTAMENTO GRAVE E VIOLENTO”, STANGATA PER GUARRACINO