Nuoto. Prima tappa della World Cup: sette medaglie conquistate

Tra il 21 e il 22 ottobre, a Berlino, sono andate in scena le prime sessioni della prima tappa della World Cup di nuoto in vasca corta. Sono 21 i convocati per la nazionale italiana, che hanno già fatto sentire la propria presenza nella competizione.

World Cup: i convocati azzurri

Tredici uomini e otto donne per la nuova sfida della nazionale seguita da Claudio Rossetto, Marco Pedoja, Cesare Casella, Alberto Burlina, Stefano Franceschi.

  • Thomas Ceccon (Fiamme Oro/Leosport)
  • Simone Cerasuolo (Fiamme Oro/Imolanuoto)
  • Marco De Tullio (CC Aniene)
  • Leonardo Deplano (CC Aniene)
  • Stefano Di Cola (Marina Militare/CC Aniene)
  • Manuel Frigo (Fiamme Oro/Team Veneto)
  • Lorenzo Galossi (CC Aniene)
  • Nicolò Martinenghi (CC Aniene)
  • Pierandrea Matteazzi (Esercito/In Sport Rane Rosse)
  • Alessandro Miressi (Fiamme Oro / CN Torino)
  • Federico Poggio (Fiamme Azzurre /Imolanuoto)
  • Alberto Razzetti (Fiamme Gialle/Genova Nuoto My Sport)
  • Matteo Rivolta (Fiamme Oro/CC Aniene) 50 e 100 farfalla

Per le donne invece:

  • Lisa Angiolini (Virtus Buonconvento)
  • Martina Caramignoli (Fiamme Oro/Aurelia Nuoto)
  • Martina Carraro (Fiamme Azzurre)
  • Ilaria Cusinato (Fiamme Oro/Team Veneto)
  • Silvia Di Pietro (Carabinieri/CC Aniene)
  • Sara Franceschi (Fiamme Gialle/Livorno Aquatics)
  • Silvia Scalia (Fiamme Gialle/CC Aniene)
  • Chiara Tarantino (Fiamme Gialle)

I risultati delle prime giornate

L’esordio della Coppa del Mondo in vasca corta ha portato sette qualificazioni per le finali dei 200M farfalla. Ilaria Cusinato , con il terzo tempo riesce a conquistare la finale e a registrare uno dei migliori tempi personali. Sicuramente una giornata positiva per la Federnuoto, che ha esordito con cinque medaglie. La nuotatrice di Cittadella, però si migliora ancora nelle gare della sera, conquistando l’oro con un tempo di 2′ 05”30.

Una giornata intensa, con le prime batterie già in prima mattinata, fino alla sera. perchè anche Matteo Rivolta riesce a portare a casa una qualificazione nei 100M farfalla, qualificandosi con il primo crono. Arriva a medaglia, con un tempo leggermente inferiore, nella serata. Un bronzo alle spalle di Noe Ponti e Le Cos, rispettivamente argento e oro.

Nei 200M rana una splendida Lisa Angiolini riesce a raggiungere la qualificazione con il miglior tempo, ma non riesce a replicare nella finale, chiudendo la batteria al sesto posto. Non sorridono Sara Franceschi e Martina Carrano nella stessa specialità.

Qualificazione e medaglia per Nicolò Martinenghi e Federico Poggio nei 100M rana. Martinenghi riesce a raggiungere il terzo posto e dunque il bronzo, squalifica in finale per Poggio. L’azzurro arriva alle spalle dei due statunitensi Fink e Whitley.

Raggiunge la qualificazione Silvia Di Pietro nei 50M stile libero, ma la finale è praticamente da dimenticare, quanto meno per posizionamento. La romana, infatti, arriva ottava in una finale velocissima con la prima, la polacca Wasick che nuota sotto i 24”. Chiude i 50 con un tempo di 23”32.

La prima giornata si chiude con l’oro di Thomas Ceccon, nei 100M misti. Un buon primo posto in qualificazione e altrettanto ottimo il tempo nella finale: 51”52 allo stacco dei 100, mentre 28”47 nei 50, risalendo dunque di quattro posizioni.

Nella seconda giornata è ancora Ceccon che prende la seconda medaglia della prima tappa della World Cuo. Il veneto raggiunge il secondo posto nei 50M dorso, dietro lo Statunitense Dylan Carte, ma straccia il suo record personale di 23”51 toccando a 23”22. Un crono che lo fa decollare nella classifica italiana dei migliori performer, raggiungendo il terzo posto.

Altra medaglia anche per Nicolà Martinenghi che chiude al secondo posto nei 50M rana, chiudendo di nuoto il terzetto del podio con i due statunitensi Fink, di nuovo primo, e Whitley, stavolta bronzeo.

Leonardo Deplano conquista un ottimo terzo posto nella 100M stile libero alle spalle di Chalmers, australiano, e Grousset, terzo. Un nuovo record personale per l’italiano che cancella il 46”98 del 2021 a Kazan. Per Deplano una finale da 46”77.

Quarto posto per Ilaria Cusinato nei 400 misti femminili: appena due secondi dal primo posto occupato da Flickinger. Nei 50M farfalla, Silvia Di Pietro si posiziona all’ottavo posto in una batteria velocissima conquistata da Beryl Gastaldello con un tempo di 25”16. Un 25”68 per la nuotatrice azzurra.

Settimo posto per Martina Carrano e ottavo per Lisa Angiolini nei 100M rana. Oro per Ruta Meilutyte. Quinto posto nei 200M farfalla maschile per Alberto Razzetti.