Juve Stabia. Langella: “Pronto a farmi da parte”

Il clima non è affatto sereno tra le file della Juve Stabia. A confermalo sono le divergenze non indifferenti scoppiate nel cuore della società gialloblù (CLICCA QUI), alle quali si sono aggiunti i recenti risultati della squadra guidata da mister Fabio Casertana. Eventi che hanno, appunto, portato al club termale, qualche ora fa, ad indire il silenzio stampa (CLICCA QUI).

Un silenzio che, però, lo stesso presidente della Juve Stabia, Andrea Langella, ha deciso di interrompere, molto probabilmente solo temporaneamente, tornando sul tema legato alla contestazione dei tifosi gialloblù della Curva Sud avvenuta nel corso del match Juve Stabia-Trapani nei confronti dell’Amministratore Unico ing. Vincenzo D’Elia. Un messaggio forte e conciso quello lanciato dal patron gialloblù che oltre a fare chiarezza, annuncia un sorprendente stravolgimento societario.

Queste le parole del presidente Langella: “In primo luogo ritengo che la contestazione in sé appare oltremodo anomala, incomprensibile ed inaspettata perché rivolta ad un Amministratore che, di fatto, non ha mai interferito nelle scelte societarie di carattere sportivo e che si è sempre dimostrato sensibile alle esigenze della tifoseria, manifestando, sin dal suo insediamento, un attaccamento “viscerale” ai colori giallo blè e soprattutto non ha mai messo alla porta nessuno e ha sempre cercato la via del dialogo costruttivo. In breve, si può affermare che tale contestazione rappresenti un unicum nella storia del calcio! E’ evidente, allora, che il clima insopportabile che si è venuto a creare, che peraltro rischia di compromettere la serenità della nostra squadra del cuore, sia frutto di una strategia che ha ben altri fini. Mi piace sottolineare che sono entrato a far parte della compagine societaria della Juve Stabia con passione autentica e grande entusiasmo e con l’intento di farne una società organizzata, solida e pronta al salto di qualità. Alla luce degli ultimi eventi, purtroppo, con profonda amarezza devo constatare che il mio progetto appare irrealizzabile. A questo punto, per il bene della Juve Stabia, dei tifosi e della Città di Castellammare, e per coerenza con il mio stile personale e imprenditoriale, non posso che fare un concreto passo indietro offrendo le mie quote ad un prezzo di “liquidazione” in modo che altri al mio posto possano proseguire nella gestione del Club. Ciò, fermo restando nelle more il mio pieno sostegno e supporto alla società nell’assetto attuale”.

 

Nunzio Marrazzo