Vige la legge del puma Tedesco, al Vitiello il Santa Maria la Carità si ferma

Si ferma a 6 la striscia di risultati utili consecutivi del Santa Maria la Carità, al Vitiello di Scafati vige la legge del puma Tedesco.

Il roster sammaritano esce dall’impianto scafatese a testa alta e cade sotto il colpo canarino solo al minuto 85′ quando Tedesco dagli undici metri punisce Stasi.

Per la gara con la terza in classifica, Di Nola regala un’altra chance dal primo al classe ‘2005 Giamminelli che si schiera nei tre d’attacco con Senatore e Reda, nella retroguardia prende di nuovo posto Esposito con Gala, Greco e Frulio.

Tra i pali Stasi viene riconfermato, seconda panchina consecutiva per Borrelli dal rientro dalla squalifica, Sorrentino, Grieco e La Torre formano la cinta di centrocampo.

Muro inserisce nello scacchiere di partenza Visconti, Trezza e Somma al posto di Di Pasquale, Esposito e Pietroluongo rispetto all’ultimo turno, Arciello parte dalla panchina, Pisani e Tedesco a guidare l’attacco giallobleu.

Si gioca davanti ad una buona cornice di pubblico, folta rappresentanza della tifoseria sammaritana ubicata nella curva del Vitiello.

Il primo gettone è di marca locale e porta la firma di Tedesco, il numero 10 parte dalla sinistra, si accentra e lascia partire una conclusione che finisce alta dai pali protetti da Stasi.

La Scafatese nelle prime battute di gioco spinge sulla corsia mancina, il Santa Maria la Carità si affida alle fiammate degli uomini più rappresentativi, Senatore borseggia un pallone nel cerchio di centrocampo, galoppa sulla corsia sinistra e sul più bello viene atterrato da Trezza che viene ammonito dal sig. D’Ambrosi di Nocera Inferiore.

Più Scafatese nella parte inziale della contesa, scoccato il decimo minuto, il Santa Maria la Carità nella metà campo avversaria per un calcio d’angolo a suo favore si fa trovare impreparata, Solombrino respinge e manda nello spazio Somma, il numero 8 locale ha una prateria davanti a sè, tre contro due per i padroni di casa ma viene tutto buttato alle ortiche, la retroguardia del Santa Maria la Carità complice un pensiero di troppo della Scafatese recupera.

Minuto 25′ sul cronometro: Esposito non si capisce con Stasi, colpisce la sfera di testa per poco il retropassaggio non fa la frittata.

La Scafatese capisce che il momento è propizio, gli avversari iniziano a soffrire la pressione, dopo due giri di lancette Tedesco si infiamma e si mette in proprio sulla destra, arriva in area e serve a Pisani che viene murato all’ultimo.

La prima occasione ospite è di quelle importanti, alla mezz’ora Reda fa tremare la Scafatese, Senatore pennella per la testa del numero 9 che prende bene il tempo e colpisce di testa, Solombrino dice no.

Sul seguente calcio d’angolo Pisani si avvita bene in area ma la conclusione è di facile preda per il pipelet sammaritano.

L’ultima azione è di marca rossoblu, Grieco di prepotenza si appropria della corsia mancina, arriva al limite dell’area e pennella per Reda che ci arriva non posizionato nel migliore dei modi ma riesce a concludere, Solombrino abbassa la saracinesca, si va al riposo con il risultato di 0-0.

Le due squadre danno quasi tutto nella prima frazione, i secondi 45′ perdono di intensità e le occasioni latitano.

Arciello e Pietroluongo sono le mosse del tecnico della Scafatese per Somma e Canale, al minuto 52′ Tedesco pennella per Arciello, il neoentrato indirizza la sfera verso la porta ma Stasi si distende bene e sventa la minaccia.

Al 60′ Giamminelli fa spazio a Coppola a centrocampo, i primi venti minuti della seconda frazione offrono poco spettacolo ai presenti, le due squadre appaiono confuse e con idee poco chiare, la sfera staziona poco nel rettangolo verde a favore di continue palle lunghe a scavalcare i reparti.

Al minuto 64′ Senatore si occupa di un calcio piazzato dai 20 metri, l’esterno manda la sfera nell’area calda, Grieco è il più lesto di tutti in mischia ma ancora una volta la difesa locale serra le linee.

Pagano risponde a Grieco, il difensore classe ’88 sfila a tutta la difesa sammaritana ma non colpisce bene la sfera.

Sorrentino, poco brillante rispetto alle altre gare disputate viene sostituito, De Simone entra in campo e non dispiace sulla corsia sinistra più volte sfrutta la sua velocità e crea qualche piccolissimo grattacapo.

La gara sembra essere indirizzata verso il binario del pari ma al minuto 84′ Tedesco raccoglie un cross dalla sinistra, accarezza il pallone, salta un avversario e viene atterrato per il fischietto di Nocera Inferiore non ci sono dubbi, è penalty.

Il puma se ne incarica, Stasi indovina l’angolo ma non può nulla sulla ribattuta, vantaggio Scafatese.

Nei minuti rimanenti i padroni di casa gestiscono il vantaggio con un pò di furbizia facendo accendere la gara, continue sono le proteste del Santa Maria la Carità, il nervosismo sale alle stelle, c’è spazio per un cambio tra le fila sammaritane Tarallo prende il posto di La Torre, il cronometro scorre veloce, Muro inserisce Panico per Tedesco, i tre punti vanno ai canarini.

SCAFATESE: Solomrbino 04, Visconti 03, Masullo, Cavaliere, Pagano, Trezza, Gautieri, Somma (50′ Arciello), Pisani, Tedesco (91′ Panico), Canale (50′ Pietroluongo).
A disposizione: Martoriello 04, Langellotto 05, Viscovich, Verrone 05, Panico, Pietroluongo, Di Pasquale 03, Di Giorgio, Arciello
All: Ciro Muro

SANTA MARIA: Stasi, Frulio 04, La Torre (87′ Tarallo), Esposito, Grieco, Reda, Senatore, Giamminelli 05 (61′ Coppola 03), Sorrentino (75′ De Simone), Greco, Gala
A disposizione: Borrelli, Cardone, Tarallo, De Simone, De Caro, Vallefuoco, Coppola 03, Carotenuto 03, Cascone 05.
All: Mario Di Nola

RETI: 85′ Tedesco

Arbitro: Rosanna D’Ambrosi di Nocera Inferiore
Assistenti: Carlo Pipola di Ercolano e Giovanni Di Luca di Napoli
Note: Ammoniti: Trezza (SC), Gala (SM), Tedesco (SC), Esposito (SM), Masullo (SC), Cavaliere (SC), Vallefuoco (SM, dalla panchina). Calci d’angolo: 3-4.