Turris-Manfredonia 1-1. Punto prezioso per i corallini

La Turris di mister Castellucci ottiene un ottimo pari interno contro un ostico Manfredonia che alla fine della contesa avrebbe meritato qualcosina di più. Cinque indisponibili in casa Turris che oltre ai 4 squaliicati a dovuto rinunciare anche a Fissore vittima di un problema al polpaccio.Subito in partenza i pugliesi passano in vantaggio con un colpo di testa del centrocampista Polidori che ben imbeccato da un cross dalla destra fa 0-1. La Turris prova a reagire ma con molte difficoltà ,infatti la mediana composta da Manzo, Lucchese e Tarascio gira a vuoto e permette a i pugliesi di gestire bene la gara. I corallini non trovano soluzioni e si affidano ai calci da fermo ,ed e proprio da uno di essi che la Turris trova il pari. Minuto 23 punizione dai 25 metri Moxedano colpisce l’ incrocio dei pali e sulla ribattuta arriva come un falco Perna che insacca, 1 a 1 . Il primo tempo termina con i pugliesi ancora pericolosi in due circostanze in cui il portiere corallino Liccardo si disimpegna alla grande su Portosi e Lacarra mentre la Turris cerca diverse soluzioni per cambiare l’ inerzia della gara. L’ inizio ripresa vede ancora un Manfredonia molto pericoloso soprattutto sugli esterni mentre i corrallini arrancano . Il gol degli ospiti è nell’ aria e il momento propizio sembra giungere quando Liccardo esce in ritardo su Portosi e lo atterra ,rigore . Il pubblico resta in silenzio quando dagli undici metri si presenta l’ ex Lacarra che però manda incredibilmente fuori a Liccardo spiazzato . I pugliesi calano d’intensita e la Turris sempre in difficoltà a centrocampo prova a costruire qualche azione offensiva di rilievo con il migliore dei suoi Moxedano che con due tiri vaelenosi sfiora il gol.La partita cala di ritmo i cambi non incidono e dopo 4 miniti di recupero l’ arbitro manda tutti negli spogliatoi tra gli applausi dei circa 900 tifosi accorsi al Liguori che hanno potuto assistere ad una partita gradevole e tosta che alla fine ha fatto mantenere la testa della classifica agli uomini di Castellucci.

Marco Esposito

Condividi