Top & Flop. Crisi Benevento, granata opachi, Avellino vince ma non convince

La Campania porta a casa quattro punti, racimolati dalla scorsa giornata di Serie B, nel turno infrasettimanale.

Avellino e Salernitana fanno risultato, con rispettivamente una vittoria casalinga contro la Ternana e un pareggio contro l’Ascoli nella trasferta marchigiana. Il Benevento perde al Comunale di Trapani contro i granata di Serse Cosmi. I giallorossi accolgono, quindi, i primi mugugni insoddisfatti dei tifosi.

FRONTE BIANCOVERDE – Prestazione dalla doppia faccia da parte degli irpini, che dopo aver dominato nel primo tempo, soffrono parecchio la pressione degli umbri nella ripresa.

Top

  • Soumarè. Gioca come seconda punta nel 3-5-2 proposto da Mimmo Toscano. Il giocatore si impegna e sfiora il gol in diverse occasioni. Risponde alle tante critiche ricevute nel corso delle settimane.
  • Lasik. Segna il gol della vittoria. Anche per lui una risposta alle critiche delle scorse settimane ed un riscatto personale dopo la brutta prestazione contro il Novara. Primo gol con la maglia dell’Avellino per lo slovacco, che oltre al gol si regala una prestazione ottima.
  • Frattali. Decisivo in diverse occasioni. Nel primo tempo salva il risultato su una botta dalla lunga distanza di Avenatti. Qualche sbavatura solo in una occasione, ma lo salva la carica subita.

Flop

  • Castaldo. Alibi: è rientrato da poco, deve ancora recuperare a pieno il minutaggio. L’attaccante però non fa ciò per cui è chiamato in causa, il gol. Nel primo tempo si mangia delle occasioni clamorose, nel secondo tempo quasi sparisce del tutto.
  • Paghera. Neanche stavolta al meglio della forma. Una partita buona, ma non particolarmente esaltante in particolare nella ripresa.

 

SPONDA BENEVENTO – La peggior partita dell’era Baroni e di conseguenza la peggior partita in Serie B. La strega sembra aver perso il suo potere incantatore. Dopo la sconfitta contro la Salernitana, infatti, la squadra sembra dover ancora rimettere a posto i cocci.

Top

  • Lucioni. Il capitano è l’unica nota lieta della serata siciliana. Si esclude dal disastro difensivo di massa e cerca di mettere una pezza un po’ ovunque.

Flop

  • Cissè. Il peggiore in campo, suo malgrado. Partita nervosa e si becca un rosso per proteste. Lascia i suoi compagni in dieci uomini per quasi tutto il secondo tempo.
  • Baroni. Lui per tutti. La squadra è tutta sotto la sufficienza, colpa da un lato del tecnico, ma dall’altra dei giocatori. le scelte in campo non sono quelle giuste, ma soprattutto non è riuscito a ricreare quanto rotto dopo la sconfitta nel derby.

 

FRONTE GRANATA – Un opaco 0 a 0 ad Ascoli. Un passo indietro che non viene digerito dalla tifoseria granata, dopo le belle prestazioni che la squadra ha messo in scena. Sotto accusa il tecnico, ma anche alcuni giocatori, come Coda.

Top

  • Terracciano. Buona partita per il portiere ex Avellino. Salva il risultato respingendo il tiro di Gatto. Qualche sbavatura nelle uscite, non un suo cavallo di battaglia, ma nel complesso è decisivo.
  • Improta. L’arma aggiunta. Il giocatore dà tutto, sempre presente sia in fase difensiva che in fase offensiva. Si rende pericoloso sotto porta e torna in difesa per dare un supporto ai compagni di squadra.
  • Caccavallo. Il giocatore ha l’occasione di mettersi in mostra e lo fa. Segna un gol, ma gli viene annullato. E’ un pericolo per la difesa ascolana. Prestazione magistrale dell’ex Paganese.

Flop

  • Coda. Continua il periodo poco positivo del bomber salernitano. Il giocatore corre, si mette in gioco ma non riesce ad incidere come faceva nello scorso anno.
  • Tuia. Non una partita all’altezza della situazione. Parte titolare, ma non incide e sbaglia tanto.