“T-Factor”. I talenti del calcio Italiano: Gaetano Castrovilli

Bentornati all’appuntamento con la nostra rubrica T-Factor: i talenti del calcio Italiano. Questa settimana andremo a conoscere meglio un giovane calciatore che tanto bene si sta comportando nel suo primo campionato di Serie A. Stiamo parlando di Gaetano Castrovilli, centrocampista classe ’97 in forza alla Fiorentina.

Chi è. Gaetano Castrovilli nasce a Canosa di Puglia il 17 febbraio del 1997. La sua carriera inizia nelle giovanili del Bari e si divide tra il club biancorosso e le giovanili della Fiorentina, passando per i due campionati disputati in presto con la Cremonese, per poi avere la consacrazione con la Fiorentina di Montella, della quale diventa subito un punto fermo del centrocampo.

Caratteristiche. Castrovilli è un trequartista, molto abile nel dribbling e nella creare la superiorità numerica. Può essere adattato anche sulla fascia sinistra, zona dalla quale può accentrarsi per cercare il tiro o l’assist per i compagni. Per il suo stile di gioco elegante viene spesso paragonato a Marco Verratti.

ADS Minervino e Bari. Dopo aver mosso i primi passi nella squadra della sua città: l’ASD Minervino, nel 2008 viene notato ed inserito nelle giovanili del Bari. Esordisce in prima squadra nella stagione 2015/16, più precisamente il 22 maggio del 2015, all’età di 18 anni, subentrando al minuto 78′ a Marco Calderoni, in occasione dell’incontro perso dal Bari per 1-0 contro lo Spezia.

Prima volta in Viola. Nel 2017 passa in prestito alla Fiorentina e con la viola disputa il Torneo di Viareggio (4 presenze ed 1 rete).

Il ritorno a Bari. Dopo il Viareggio, rientra al Bari, stabilendosi in modo fisso in prima squadra collezionerà 10 presenze nel girone d’andata della Serie B.

Nuovamente a Firenze. Il 23 febbraio 2017 viene preso in prestito con obbligo di riscatto dalla Fiorentina. Con la Primavera viola disputa, nei primi 6 mesi della stagione, 18 presenze realizzando 7 reti e fornendo 9 assist, contribuendo a raggiungere la finale scudetto contro l’Inter.

Il prestito alla Cremonese. Il 10 luglio 2017 viene girato in prestito alla Cremonese, neo promossa in Serie B. esordisce il 3 settembre trovando anche la prima rete da professionista, segnando il definitivo 3-1 nella gara contro l’Avellino. Il 3 luglio 2018 viene rinnovato il suo prestito al club grigiorosso per un altro anno. Alla fine della sua esperienza lombarda collezionerà 53 presenze e 5 reti.

Alla corte di Montella. Le buone prestazioni convincono Montella a puntare su di lui e dall’inizio della stagione 2019/20, collezionando 5 presenze in altrettante gare di campionato.

Nazionale. Il 5 ottobre del 2018 viene convocato dal CT Luigi Di Biagio per disputare le amichevoli dell’Under 21 contro i pari età del Belgio e della Tunisia, dovendo dare forfait per un infortunio subito in campionato. Viene nuovamente convocato, disputando entrambe le amichevoli perse contro Inghilterra e Germania. In totale in azzurro ha disputato (fino ad ora), 6 presenze condite da 2 reti in Under 20 e 2 presenze senza segnare con l’Under 21.

Giovanni Tafuto

 

Condividi