www.sportcampania.it

Storie di Stadi. Cava de’ Tirreni e la memoria di Simonetta Lamberti

Quanti di voi si sono posti la domanda “Chissà come mai ha questo nome lo stadio”. Diversi sono gli impianti che hanno il nome di un ex calciatore o che omaggiano accadimenti del passato. La nostra redazione ha voluto dare sfogo alla curiosità dando vita alla rubrica “Storie di Stadi”, che tratterà per l’appunto la storia degli stadi, scusate il gioco di parole, della nostra regione. Per la terza uscita andremo a conoscere il Simonetta Lamberti di Cava de’ Tirreni.

Probabilmente il nome di Simonetta Lamberti è molto conosciuto nella Campania così come la sua storia. Simonetta Lamberti era figlia del procuratore Alfonso Lamberti, impegnato in prima linea nella lotta giuridica contro la camorra. Simonetta fu la prima vittima di mafia in tenera età. La sua condannata è stata decretata il 29 maggio del 1982, quando di ritorno da Vietri sul Mare con il padre, la loro macchina è stata accostata da un’altra vettura e sommersa di proiettili. Uno di questi ha colpito la bambina undicenne alla testa, causandone la morte sul colpo.

Dopo sentenze e processi, sono ancora aperte le indagini, ma intanto la memoria di Simonetta Lamberti è viva in molte città italiane e della Campania. Tra queste c’è proprio Cava de’ Tirreni, luogo di morte della bambina, ma soprattutto luogo di residenza della famiglia Lamberti. Un monumento in piazza fu il primo fregio della cittadina salernitana. Seguirono lo stadio nel 1983 e nel 1984 la biblioteca scolastica.

La denominazione dello stadio arriva il 2 aprile del 1983, in occasione della partita di Serie B contro il Milan. La scelta fu dettata proprio dalla volontà di ricordare la piccola, vittima di vendetta camorristica. prima di puntare sulla scelta gli altri nomi in vaglio erano quelli di Viriglio Felice Levratto e Bruno Mazzotta, oltre che Gino Palumbo. I primi due erano due ex calciatori dei blunfoncè, mentre il terzo un giornalista di Cava de’ Tirreni, firma della Gazzetta dello Sport.

Condividi