Sorrento. Il presidente Cappillo tra esordio e mercato: “Finalmente in campo, fiduciosi del lavoro svolto”

Con i recenti ingaggi di due calciatori under dal sicuro avvenire, si chiude una vivacissima fase di mercato del Sorrento del presidente Giuseppe Cappiello che affida così un ottimo organico nelle mani del nuovo tecnico Luca Fusco. Rossoneri che saranno anche quest’anno, per il terzo consecutivo, alle prese con il difficile girone H di serie D. Domenica prossima battesimo casalingo allo stadio Italia contro il Nardò e alla vigilia dell’esordio analizziamo il calciomercato rossonero proprio con l’avvocato Cappiello: “Abbiamo effettuato un mercato seguendo le stesse strategie degli ultimi anni, vale a dire mantenendo il giusto mix di giovani ed esperti oltre alla riconferma di chi aveva la voglia di continuare a sposare il nostro percorso interrotto ad inizio marzo per colpa del Coronavirus. Un’emergenza che ovviamente ha generato anche ripercussioni economiche ed ne ha risentito anche il budget destinato al mercato e alle nostre attività. Siamo fiduciosi di aver svolto un buon lavoro, ora non ci resta che scendere finalmente in campo”.

AMODIO E FUSCO: “Il direttore sportivo Amodio ha lavorato bene, seguendo le indicazioni della proprietà ricercando giovani promettenti che saranno indirizzati da esperti calciatori e formati dal nuovo allenatore che vanta una notevole esperienza di campo. Sono convinto che Fusco farà bene anche come allenatore. Mi piace come lavora durante la settimana, come svolge le sedute tattiche e come si pone con i calciatori. Con il giusto spirito, la voglia e la determinazione di tutti possiamo raccogliere i frutti del lavoro svolto”.

LA PREPARAZIONE: “Considerato il lungo stop, quest’anno è stato un pò più lunga del solito. Svolta a Sorrento ed in quel di Nusco dove i ragazzi si sono allenati con grande impegno e sacrificio, lavorando a lungo con lo staff anche dal punto di vista tecnico-tattico. Il ritiro estivo è un momento fondamentale perchè oltre a lavorare sulla condizione fisica serve per creare l’amalgama, integrare i nuovi arrivati e quindi per fortificare il gruppo e lo spogliatoio. Ovviamente, ora devono smaltire i carichi di lavoro ma nel complesso i ragazzi stanno bene, si applicano e sono vogliosi di regalare soddisfazioni alla tifoseria”.

IL CAMPIONATO: “Il gruppo H è composto come sempre da squadre lucane, campane e pugliesi: lo ritengo il più forte. Le squadre allestite per vincere hanno poco da inviare a compagini di Lega Pro. Tanto agonismo, notevole tasso tecnico e bisognerà mettere sempre tutte le energie possibili in campo per cercare di portare punti a casa. Gli obiettivi? La priorità è difendere la categoria mostrando bel gioco e facendo divertire chi ci segue”.

IL NARDO’: “Ci fa piacere esordire in casa sperando in buone notizie nei prossimi giorni per quando riguardo una parziale presenza di pubblico sugli spalti. Vogliamo salutare i nostri sostenitori con un successo e una performance convincente per poi proseguire con altri buoni risultati. Il Nardò sicuramente venderà cara la pelle cercando di partire con il piede giusto”.

MESSAGGIO: “Alla squadra e lo staff gode della nostra piena fiducia. L’importsnte è continuare a seguire le linee guida societarie, dimostrando sempre di essere prima uomini e poi calciatori. Una questione di rispetto nei confronti della maglia, della città e di tutte le persone che ci sostengono con generosità e passione. Ai tifosi auguro di poter tornare allo stadio quanto prima, per continuare divertirsi e potendo vivere qualche momento di gioia a tinte rossonere”.

DI ALESSIO PETRALLA

Condividi