Sorrento. Costantino: “Mix di giovani e over. Da domenica saranno tutte finali”

Un avvio di stagione non proprio esaltante per il Sorrento del tecnico Vincenzo Maiuri, che è ancora in cerca della prima gioia in campionato, nonostante una buona rosa a disposizione. Un attimo, un periodo negativo dal quale il tecnico ex Portici riuscirà a trovare una via d’uscita. Il centrocampista Stefano Costantino, ai microfoni dei colleghi di “Metropolis”, ha parlato del momento della squadra e di altri aspetti.

Ecco quanto detto da Costantino:

“Questo Sorrento è un mix di tanti giovani mischiato con pochi “vecchietti” una squadra che ha delle qualità importanti sia tecniche che umane. Stiamo cercando di apprendere più in fretta
possibile quello che vuole il mister. Questo Sorrento penserà partita dopo partita con la mentalità di vincere sempre poi vediamo alla fine dove potremo arrivare. A questo Sorrento sotto l’aspetto tecnico non manca niente. Siamo completi in tutti i reparti forse manca solo un po’ di tranquillità di risultati che sono sicuro che arriveranno Lavoriamo giorno dopo giorno per arrivare al massimo delle nostre potenzialità, che ancora dobbiamo esprimere al meglio, un po’ di convinzione e concentrazione in più non guasta in questi momenti. Noi tutti dobbiamo capire l’importanza di questo girone, il più forte della Serie D. Noi tutti crediamo fermamente nel lavoro che facciamo in allenamento e sono sicuro che uscirà fuori. Torno a Sorrento perch√© l’anno scorso ci siamo lasciati con un pizzico di infelicità, qui stavo bene e stavo facendo bene. Poi ci fu un un’incomprensione con il tecnico Guarracino ,che trasformò lui in un litigio su argomenti mai affrontati. Al Savoia ,avrei potuto continuare quest’anno, ma varie vicissitudini hanno fatto ,s√¨ che io non rimanessi. Da l√¨ è iniziato il progetto Ancona, che non ho potuto continuare per varie situazioni. Il direttore del Sorrento, Amodio ha sempre voluto il mio approdo in costiera, ci siamo sentiti costantemente ed è grazie a lui, al presidente Di Leva e Federico Cuomo se oggi vesto questa maglia in una città stupenda come Sorrento. A loro principalmente va il mio ringraziamento, ma voglio ringraziare tutte le persone che lavorano per il club. Il mio campionato, diciamo, è iniziato un po’ a sorpresa. Difficilmente nella mia carriera ho rimediato un rosso diretto, ne parla la mia storia calcistica. E’ vero, sono un calciatore a cui gli piace l’agonismo ma non in modo scorretto: l’espulsione contro l’Agropoli è stata un esagerazione dell’arbitro, che in quel momento è salito in cattedra e ha rovinato una gara che difficilmente in parità di uomini avremmo perso. Sono tornato con lo spirito positivo di quello che vuole sempre ripagare la fiducia di chi mi è sempre stato vicino, anche nello sconforto dell’espulsione. Sono tornato per dare una mano a miei compagni di squadra. Domenica finalmente contro il Fasano torneremo a casa grazie soprattutto all’assessore comunale Federico Cuomo che ha lottato contro il tempo per far s√¨ che ciò si realizzasse. Per noi iniziano 31 finali: il mister sta lavorando più sulla testa che sulle gambe proprio per far s√¨ che domenica si veda di nuovo il Sorrento di Giugliano. Sarà una gara durissima, sappiamo il valore dell’avversario lo rispettiamo, ma non possiamo temerlo, non è nella nostra indole. Quindi daremo battaglia sicuramente, dobbiamo riportare l’entusiasmo dalla nostra parte già da domenica”.

Salvatore Russo

Condividi