Sorrento. Amodio oggetto del desiderio

Con la conclusione del campionato di Serie D, il Sorrento è pronto a programmare la prossima stagione calcistica. Dopo la non scelta da parte del diesse di Pino La Scala sulla panchina rossonera, non è scontata la permanenza di Antonio Amodio in costiera. A confermarlo fu proprio il sorrentino doc (LEGGI QUI)

Riunione da affrontare, società che si deve affrontare e progetti da mettere giù e capire da chi e da cosa ripartire. Cosa sarà del futuro di Antonio Amodio? Ancora è difficile dirlo, ma sembra meno scontato degli altri anni un prolungamento del matrimonio con il Sorrento. Il direttore sportivo rossonero ha attirato l’attenzione di diversi club di Serie D e non solo grazie proprio al lavoro svolto tra le fila del sodalizio del presidente Cappiello.

Amodio è diventato, quindi, un vero e proprio oggetto del desiderio, grazie ai posizionamenti importanti del Sorrento, ma anche e soprattutto per il suo intuito nel trovare talenti sparsi per la Campania e non solo. Ne è un esempio Sekou Camara, arrivato dalla Vis Ariano, ma anche un settore giovanile di tutto rispetto da cui attingere under interessanti.

L’attenzione su Amodio è da parte della Serie D, ma anche da parte di SportItalia dove è stato lodato per il lavoro svolto, considerandolo tra i migliori direttori per la sua giovane età.