Serie D.Club Paradiso in finalissima! Ko il Club 900 nel derby di Acerra

ACERRA. √à finita: sarà finalissima! Il derby più decisivo della storia del futsal acerrano ha emanato il suo verdetto: Club Paradiso agli spareggi promozione! Partita spettacolo dominata in lungo ed in largo dagli uomini di mister Soriano. Pronti via ed è il Paradiso, obbligato a vincere per continuare a sognare, a fare la partita ed a mettere alle strette gli avversari grazie al nuovo assetto tattico ideato dal suo allenatore, che schiera De Angelis trai pali, D’Antò in difesa, Trocchia e Esposito sui lati e Soriano nel ruolo di pivot. I frutti arrivano subito, passano centoventi secondi e su una ripartenza veloce passano gli ospiti: ripartenza veloce pilotata da Trocchia che di prima intenzione serve Soriano defilato sulla destra; l’attaccante rossoblu è bravo nel controllare con un abile gioco di gambe e a vedere con la coda dell’occhio l’accorrente Esposito, il quale di prima col piattone da limite dell’aria calcia spedendo il pallone nell’incrocio dei pali alla sinistra di un incolpevole Rivista. La rete cambia totalmente l’inerzia del match costringendo gli uomini di Rescigno, nell’ordine: Rivista, Russo, De Rosa, Ranavolo e Passaro, a fare la gara. Costrizione caricata tutta sulla spalle da uno straordinario ed infinito Gigi De Rosa: sono tutte sue le azioni degne di nota del primo tempo grigiogranata ed è sempre lui ad obbligare De Angelis a due provvidenziali interventi tra il terzo e il quinto minuto. In pratica la risposta dei padroni di casa si esaurisce qua: da qui in poi solo Paradiso in campo, con Trocchia e compagni che quando giocano palla a terra in velocità mandano in tilt gli avversari. Piovono azioni e il povero Rivista si deve quadruplicare all’ottavo sulla conclusione di D’antò e sul conseguente tentativo di tap-in di Trocchia. Qualche minuto più tardi ancora brividi per i tifosi di casa: schema da calcio di punizione, calcia forte e teso D’Antò sulla traiettoria si avventa con un colpo al volo Esposito; il pregevole tentativo, dall’elevato coefficiente di difficoltà, del talentuoso esterno rossoblu termina di un soffio al lato della porta difesa da Rivista. Portiere di casa che al diciannovesimo compie un vero e proprio prodigio sulla saettante conclusione di Trocchia; sulla respinta si precipita Di Fiore che calcia di prima intenzione a botta sicura, ma sulla linea improvvisamente spunta un monumentale De Rosa e devia in angolo. Il goal è nell’aria e la sensazione diventa realtà al 24′ quando meraviglia Scaniglia lascia partire una micidiale conclusione mancina dai quindici metri, pallone che si insacca giusto nell’angolino basso alla desta del portiere e risultato che cambia: 0-2! Sul doppio vantaggio arriva anche la doccia fredda, per mister Rescigno che perde il suo difensore di maggiore esperienza, Russo, per doppia ammonizione. La doccia rischia di trasformarsi in ghiacciata quando nell’azione seguente l’arbitro decreta il tiro libero per la compagine capitanata da Marzano; sul dischetto ci va Soriano, la sua conclusione però si rivela solo forte in quanto termina un paio di metri alta sulla traversa. Dopo due minuti di recupero, termina cos√¨ il primo tempo. La ripresa si apre con gli ospiti che intendono imprimere definitivamente il proprio marchio sulla gara, intenzione ribadita a chiare lettere da capitan Marzano dopo soli quindici secondi quando è abile a sradicare il pallone dai piedi di Ranavolo, a superare un avversario, ad aprire il compasso e a lasciare partire una conclusione a filo d’erba, che complice la deviazione di un avversario, spiazza l’estremo difensore di casa e porta la partita sullo 0 a 3. Sullo zero a tre arriva la risposta di orgoglio di Piscopo, che spezza il possesso palla dei suoi uomini con un tiro improvviso, sul quale nulla può De Angelis. Uno a tre e partita riaperta! Partita che però al quinto rischia di essere chiusa definitivamente: ruba palla sulla trequarti Trocchia supera Rivista e serve Soriano posizionato a centro area. Il numero nove ospite calcia e la palla termina in rete. Forse in quanto sulla linea prova l’intervento disperato Passaro; dubbi per tutti ma non per l’arbitro che immediatamente convalida il gol. La sua decisione manda su tutte le furie la squadra di casa che protesta in massa facendo venire qualche perplessità al signor Santillo. Direttore di gara che ha la brillante idea di consultarsi coi tifosi posizionati dietro la porta e dopo circa tre minuti decide di annullare la rete. Decisione, per i tempi e per le modalità, al quanto ridicola degna di far parte della miglior commedia tragicomica italiana. La scelta dell’arbitro manda nello sconforto gli uomini dello sconforto gli uomini di Soriano che subiscono prima il secondo gol con una pregevole conclusione dalla distanza di Possente e poi la rete del pareggio con Piscopo. Tra i due gol da registrare un pregevole intervento di De Angelis su Possente, un salvataggio sulla linea di De Rosa sulla conclusione di Trocchia e il gol divorato da Vincenzo Soriano a tu per tu con Rivista. Il pareggio e la conseguente gioia qualificazione per il Club 900 dura però soli cento secondi: Soriano subisce fallo da De Rosa, trattasi del sesto e quindi tiro libero (da segnalare che dopo il fallo subito il calciatore del Paradiso è stato costretto a lasciare il campo senza più farvi ritorno causa un problema alla caviglia). Sulla palla sta vola ci va il silente diciassettenne (fino a quel momento seduto in panchina) Alessandro “Tiger man” Pintauro: prende la palla, sguardo killer al portiere e poi lascia partire la rincorsa terminata con una conclusione fulminea rasoterra che lascia impietrito Rivista. 3 a 4 e qualificazione che cambia sponda! Ora i rossoblu intravedono il traguardo, sento odore di successo e si gasano ancor di più rendendosi assoluti protagonisti della partita: diagonali chiuse perfettamente, copertura difensiva eccelsa e ripartenza micidiale. Ripartenza resa tale dall’unico uomo, nei precedenti due derby stagionali, in grado di segnare ai suoi concittadini nient’altro che Star Trocchia. Il numero ottantacinque è bravo a superare sue avversari a ritmo di samba e stregare il portiere con un diagonale sul primo palo: 3 a 5 e festa per il CLUB PARADISO che può iniziare! Inutili gli sforzi finali di De Rosa, schierato negli ultimi due minuti come portiere di movimento, e company: il risultato non cambia! Per il Club Paradiso ora arriva il bello, il momento più importante della stagione: l’appuntamento con la storia, atteso per il direttivo di via Santa Maria La Selva dal 2008, il punto di non ritorno. Ora si fa sul serio e guai a mollare o a sentirti appagati: il meglio deve ancora venire!

CLUB NEW 900 ACERRA: ESPOSITO S., LAEZZA (K), PASSARO, DE ROSA, CASTALDO, RANAVOLO, DI BUONO, POSSENTE, PISCOPO, RIVISTA, RUSSO, ELIA. All. RESCIGNO

CLUB PARADISO ACERRA: TERRACCIANO, PINTAURO, DI FIORE, INCORONATO, SCANIGLIA, SORIANO, ESPOSITO F., MARZANO (K), DE ANGELIS, D’ANT√í, TROCCHIA. All. SORIANO

Arbitro: Francesco Santillo di Caserta
Risultato finale: 3-5
Reti : P.T. 2′ Esposito (P), 24′ Scaniglia (P); S.T. 1′ Marzano (P), 2′ e 23′ Piscopo (900), 12′ Possente (900), 25′ Pintauro (P), 32′ Trocchia (P).
Ammoniti 900: Passaro, Rivista, De Rosa.
Ammoniti P: Soriano, Trocchia, Incoronato e D’Antò.
Falli subiti: P.T. 5-6; S.T. 5-6
Recupero: P.T. 2 min; S.T. 4 min.
Note: Espulso al 27′ del primo tempo per doppia ammonizione Russo (900). Al 27′ del P.T. Soriano (P) calcia alto un tiro libero. Al quinto minuto della ripresa annullato goal a Soriano (P) dopo un consulto (durato circa tre minuti), da parte dell’arbitro, con i tifosi presenti dietro la porta.
Spettatori: più di trecento gli acerrani accorsi a godersi lo spettacolo!

 

Condividi