Serie C/C: Gelbison ancora a digiuno di reti. Finisce 0-0 con il Latina

Al Marcello Torre di Pagani la Gelbison cercava la vittoria ed anche un gol che mancava dal 13 novembre scorso (1-0 contro la Turris) ospitando il Latina nella giornata numero 17 del girone meridionale di Serie C, con le squadre distanziate di un solo punto in classifica a favore dei rossoblu. Modulo speculare, il 3-5-2, per entrambe le formazioni. Nei cilentani davanti a D’Agostino, i tre dietro sono i soliti Gilli, Carngelutti e Loreto. Sugli esterni Savini ed Onda, i tre centrali erano Fornito, Uliano e Foresta, davanti con De Sena c’ era Sane.

Molte assenze, consuetudine da diverse giornate, per De Sanzo, che doveva fare a meno di Correnti, Faella, Statella e Sorrentino.  Nel Latina davanti a Tonti, pacchetto arretrato composto da De Santis, Giorgini e Cortinovis. Di Livio a condurre il gioco in mezzo al campo, in attacco Fabrizi e Carletti. Arbitrava Pezzopane, fischietto abruzzese de L’ Aquila.

La cronaca del match: accade poco in avvio, poche le conclusioni ambo lati, al 18′ ci prova Riccardi, ma la conclusione del centrocampista ex Roma termina abbondantemente sul fondo. La Gelbison, comunque, mantiene in questa fase il predominio territoriale. Al 32′ è ancora il Latina a provarci con Carissoni, su una bella combinazione con Carletti, destro dal limite dell’area di rigore da parte del classe 97, D’ Agostino si fa trovare pronto bloccando in due tempi. La partita vive una fiammata in questo frangente.

Al 33′ traversone di Savini e Sane di testa incrocia bene, ma la palla finisce sul fondo di poco. 35′: ancora asse Carissoni- Carletti che crea qualche grattacapo ai cilentani che però ancora si fanno vedere, sul ribaltamento di fronte, con un insidioso tiro in diagonale di De Sena, splendido intervento di Tonti che la devia in corner.  Occasionissima per il Latina al 37′: sul pallone con il contagiri di Di Livio, Riccardi di testa la manda fuori per pochissimo. Sul finale della prima frazione ancora pericolosa la squadra di Di Donato, con una sventola di Bordi dalla distanza, che finisce a lato e con un diagonale di Carletti terminato sempre sul fondo. Il risultato però non si sblocca e si va a riposo sul punteggio di 0-0.

Il secondo tempo:

49′: sugli sviluppi di un corner il Latina ci prova con il neo entrato Celli, entrato ad inizio ripresa per Cortinovis, centrale, facile per D’Agostino.  60′: ancora insidiosa la squadra nerazzurra, oggi in maglia bianca, sempre da calcio d’angolo, deviazione impercettibile di Celli, centrale, nessun problema per il portiere rossoblu che blocca.   Al 73′ pallone pennellato dalla sinistra da parte di Sannipoli   e Carletti prende bene il tempo a Gilli  mandando di testa di poco a lato alla destra di D’ Agostino.

Decisamente meglio il Latina in questa ripresa, ma finalmente al 76′ la Gelbison si sveglia dopo le difficoltà. A suonare la carica è il subentrato Papa (che aveva rilevato pochi minuti prima Foresta) con un bolide dal limite dell’area, alto di poco.  Prende maggiormente coraggio la squadra vallese che al minuto 78′ si fa vedere sempre dalla distanza con Kyeremateng, anche lui subentrato, blocca però il portiere Tonti. 82′: grande occasione per il Latina.  Cross di Tessiore per Barberini, sbaglia i tempi dell’ uscita D’ Agostino facendo infuriare il pubblico rossoblu presente, ma a porta sguarnita il prodotto del settore giovanile nerazzurro sbaglia. Sospiro di sollievo per la squadra di De Sanzo.

Lo scampato pericolo ridesta la Gelbison che risponde presente al minuto 86.  Azione sulla sinistra di Kyeremateng, De Sena serve sullo scatto Sane, conclusione di interno piede pericolosa, ma Tonti dice di no.  Ci crede la squadra cilentana ed al 93′, in pieno recupero, sciupa una ghiotta occasione. Traversone in area per Onda, ma clamorosamente, a Tonti che sarebbe stato quasi sicuramente battuto, dall’ area piccola il calciatore oplontino manda sul fondo. E’ l’ultima occasione di un’ altra partita finita a reti inviolate. Continua dunque il momento nero della Gelbison in fase realizzativa, anche se la retroguardia regge, tra le meno perforate del torneo.

La squadra cilentana aspetterà dunque i risultati degli altri campi delle 17,30 per valutare il proprio margine di vantaggio sulla zona playout. Domenica prossima la truppa di De Sanzo farà visita al Crotone.

Gelbison: D’Agostino; Gilli, Cargnelutti, Loreto; Savini (65′ Kyeremateng), Foresta (65′ Papa), Fornito, (85′ Paoloni) Uliano, Onda; De Sena, Sane (85′ Citarella). A disp: Vitale, Cannizzaro, Marong, Mesisca, Papa, Citarella, Kyeremateng, Paoloni. All. De Sanzo

Latina: Tonti; De Santis, Giorgini, Cortinovis (46′ Celli) ; Sannipoli, Bordin (86′ Pellegrino), Di Livio (46′ Tessiori), Riccardi (77′ Barberini), Carissoni; Fabrizi (68′ Rosseti), Carletti. A disp: Cardinali, Giannini, Ant. Esposito, Pellegrino, Tessiore, Rosseti, Barberini, Di Mino, Celli, Nori, Nori, Al. Esposito. All. Di Donato

Ammoniti: Cortinovis (L), Loreto (G), Bordin (L), Cargnelutti (G), Uliano (G)

Arbitro: Pezzopane de L’ Aquila (Raineri- Linari, QU: Scatena)