Roma. Strootman: “Ci ho pensato molto ma non ho potuto dire di no”

La prestazione di Kevin Strootman contro l’Italia ai Campionati Europei U21 in Israele, secondo il centrocampista olandese e’ stata decisiva per il suo passaggio alla Roma. “E’ stata la miglior gara che ho giocato agli Europei, mi dispiace solo che abbiamo perso con l’Italia. Subito dopo la partita i giornalisti stranieri mi chiedevano del mio futuro in Italia”. Lo ha detto Kevin Strootman al ‘De Telegraaf’, svelando che gia’ da tempo era seguito dal club giallorosso. Il tecnico francese Rudi Garcia, ex allenatore del Lille campione di Francia lo ha poi convinto che sarebbe stato un uomo fondamentale nella sua Roma. “Abbiamo avuto quattro o cinque telefonate. I suoi piani indicano chiaramente che sono incredibilmente benvenuto a Roma ed e’ meraviglioso sentirselo dire”, spiega l’ex giocatore del Psv. La decisione di accettare l’offerta della Roma, pero’, e’ stata molto ponderata. “Prima di accettare l’offerta della Roma ho parlato con Van Bommel e Stekelenburg, mi hanno raccontato della grande passione dei tifosi italiani”. “E’ stato un passo che ho meditato a lungo. Non sarebbe stata assolutamente una punizione rimanere al Psv, ma gia’ durante le vacanze Chiel (Dekker il suo procuratore, ndr) mi aveva chiamato per dirmi che la Roma era disposta a fare molto pur di avermi”. come spendere 17 milioni di euro piu’ bonus. “Volevano subito venire in Olanda per parlarne -ha rivelato proprio l’agente del giocatore-. A quel punto capisci che e’ una cosa importante. Ci sono solo una manciata di club in Europa a poter pagare ingenti somme di denaro, con un contratto a lungo termine al giocatore, quelle che sapevamo che il Psv avrebbe chiesto. Sono molto orgoglioso di averlo portato a Roma. Lo hanno strappato ad altri club”, ha aggiunto l’agente.

Condividi