Puteolana 1902. Grimaldi primo giorno in granata: “Tanto lavoro, suderemo la maglia. Tifosi? Dimostrato cultura e maturità”

Primo giorno di Puteolana per il tecnico del nuovo corso flegreo, Teore Sossio Grimaldi. Quest’oggi il nuovo allenatore dei granata ha visto a lavoro la squadra, iniziando a prendere confidenza con la rosa, per capire dove intervenire anche in vista dell’imminente riapertura delle liste. L’ex Frattese e Cerignola, contattato dalla nostra redazione, ha rilasciato alcune dichiarazioni sulle sensazioni di arrivare in una piazza importante come quella di Pozzuoli, ma anche sul calciomercato, con un messaggio ai tifosi.

“Tornare in panchina da sempre belle sensazioni, ero fermo dal primo lockdown causato dal Covid, poi farlo in una piazza importante e blasonata come quella di Pozzuoli è ancora meglio”. – Così esordisce il nuovo tecnico delle Puteolana, Teore Grimaldi, dopo il primo allenamento con la squadra – “Oggi c’è stato il primo approccio con i ragazzi, una rosa molto giovane, anche se tecnicamente validi, ma in questa categoria, specialmente nel girone H, che ho vissuto col Cerignola, serve anche gente di esperienza”. – Si passa a parlare anche di mercato – “Nel mercato invernale non ci sarà da puntellare, più che altro da costruire. Ripeto, è una squadra giovane, di certo non abbiamo il problema degli under. Serviranno calciatori over, attualmente stiamo facendo le dovute valutazioni, per capire i ruoli in cui intervenire. Se ritorna qualcuno? Questo è un argomento che non abbiamo ancora affrontato”. – Una squadra che gioco forza dovrà puntare alla salvezza, Grimaldi ha la ricetta giusta – “Lavoro, tanto lavoro e fatto bene, per farci trovare pronti sempre, mettendocela tutto. Solo il lavoro sodo può aiutarci a mantenere la categoria, dobbiamo riscattarci”. – La chiosa sulla piazza flegrea – “Hanno subito dimostrato cultura calcistica e maturità. Mi ha fatto piacere come mi hanno accolto, ho letto molti messaggi di benvenuto sui social da parte dei tifosi. Una piazza calorosa e competente, li ringrazio e dico che in campo metteremo le nostre idee, sudando la maglia, fiduciosi e con la giusta convinzione dei nostri mezzi. I tifosi, invece, ci staranno vicino, anche se attualmente non possono venire allo stadio, specialmente nei momenti più difficili. Oggi serve unione,  attraverso la coesione si può ambire a raggiungere gli obiettivi”.