Palermo-Atalanta 1-3. Gasperini: “Vogliamo l’Europa League”

Il tecnico Giampiero Gasperini dopo la bella vittoria allo stadio Barbera parla ai microfoni di Sky Sport: “Abbiamo dominato a lungo, abbiamo anche sprecato qualche opportunità contro il Palermo che è una squadra molto viva e per me non è stata una partita facile, i miei ragazzi sono stati molto bravi. Non era semplice vincere contro una formazione cos√¨ motivata in casa. Vedo che siamo ancora quarti in classifica ed è molto bello, un girone fa abbiamo perso proprio contro il Palermo e adesso ce la giochiamo con tutti; mancano tante partite e tutte le squadre che sono vicine a noi sono in forma ma ormai sono passati dei mesi e noi siamo stati capaci di fare 42 punti 19 partite, questo non è certamente casuale. Le prossime gare saranno sicuramente fondamentali e importanti, avremo tanti scontri diretti e importante sarà arrivarci bene sfruttando al massimo il prossimo impegno in casa contro il Crotone. Poi sappiamo che campionato è imprevedibile, nel girone di andata tutto ci sembrava più difficile ma siamo stati capaci di rialzare la testa a fare risultati importanti per risollevare la stagione. E’ chiaro che se si vogliono ottenere successi bisogna anche avere la meglio contro le grandi e mi auguro che non succeda niente a nessuno ma quando si giocano tante partite consecutivamente si rischia anche dal punto di vista degli infortuni. Poi abbiamo delle avversarie che giocheranno le coppe e potrebbero stancarsi un po’ di più”.

Dopodich√© il tecnico della Dea parla degli obbiettivi della squadra e della partita di Cristante: “Nelle ultime partite è migliorato l’aspetto tecnico, giochiamo con più fiducia e quindi possiamo impostare con più serenità e questa è una forza per noi soprattutto quando partiamo da dietro. In trasferta poi serve anche smorzare l’entusiasmo dell’avversario e oggi sul 2-0 abbiamo un po’ rallentato da questo punto di vista e finivamo per rimanere fermi, non correvamo rischi però poi abbiamo preso il gol. Nel secondo tempo siamo stati bravi a spingere di nuovo altrimenti sul 2-1 potevamo correre fino alla fine il rischio di essere raggiunti. Cristante è molto bravo a inserirsi nell’area di rigore e già domenica scorsa avrebbe potuto fare gol con un’occasione simile a quella di oggi; è chiaro che quando è andato via Gagliardini ci siamo guardati in giro per capire come sostituirlo mantenendo il profilo che ci eravamo imposti; abbiamo guardato qualche giovane italiano che fosse un po’ sparito da qualche anno e cos√¨ abbiamo focalizzato l’interesse su di lui e siamo molto contenti di averlo portato a Bergamo, sta facendo molto bene e quindi siamo felici. Lo stadio nuovo a Bergamo? Se non si fa l√¨ non so in Italia dove si possa fare‚Ķ Sono tutti propensi a voler costruire questo nuovo impianto, la società lo vuole fortemente e ci sono tutte le componenti anche se non si capisce perch√© si continua a parlarne e nessuno si muove. Se non si fa a Bergamo non si va fa nessuna parte”.

 

Nunzio Marrazzo

 

Condividi