Nola sprecona, il Pomezia impatta: pari allo Sporting

Il 2023 del Nola non comincia nel migliore dei modi. Dopo la sconfitta al 98′ in casa con la Casertana, i ragazzi di mister Cavallaro non superano neanche lo scoglio Pomezia nel recupero giocato allo Sporting.

La apre ancora una volta bomber Sparacellogià dopo 5 minuti, su un perfetto schema da calcio piazzato. Nel primo tempo la gara si fa spezzettata e l’agonismo sale con interventi al limite del cartellino. Nella seconda frazione il Pomezia tenta di ribaltarla ma è il Nola ad avere 4 occasioni nitide per raddoppiare.

Comincia Piacente che, davanti a Marcucci, predilige la potenza alla precisione. Poco dopo è Sparacello ad essere impreciso, raccogliendo in volè sul secondo palo una palla crossata dall’out di destra e calciandola alta. Al festival delle occasioni sprecate si aggiunge anche Staiano che, dopo uno strappo in contropiede, si ritrova la palla al limite sul sinistro e tira senza attendere l’uscita del portiere, la palla va alta.

Nell’ultimo quarto di gara il Nola ha l’occasione più ghiotta della gara con Ndiaye che, liberatosi in area piccola, si ritrova a tu per tu con Marcucci ma incredibilmente non trova la rete.

Gol mangiato, gol subito: a 7′ dallo scadere Sossai si eleva su corner e regala di testa il pari ai suoi. Per il Nola ora è ultimo posto a 6 punti dalla salvezza diretta. Domenica l’attende la trasferta ad Artena.

TABELLINO

Reti: Sparacello (N) 5′, Sossai (P) 83′.
Nola 1925: Zizzania, Di Dona (84’ Franzese), Sepe, Carrotta (52’ Adorni), Cassandro, Russo, Piacente, Staiano, Sparacello, Palmieri (69’ Ndiaye), Manfrellotti (52′ Castagna). A disposizione: Landi, Valerio, De Martino, Gonzalez, G. Ruggiero. Allenatore: Giovanni Cavallaro.

Pomezia: Marcucci, Di Nezza (78′ Gagliardini), Sossai, Pizzuto, Lahrach (78′ Cardinali), Ruci (71′ Rocchi), Lo Pinto, Carta (46′ Massella), Nanni, Teti, Barbarossa (46′ E. Ruggiero). A disposizione: D’Adamo, Giovagnoli, Gasbarra, Mezzina. Allenatore: Mauro Venturi.

Arbitro: Amadei di Terni (assistenti Grimaldi di Bari e Minerva di Lecce).
Note: ammoniti Palmieri, Zizzania, Carrotta e Cassandro per il Nola; ammoniti Pizzuto e Sossai per il Pomezia.