Napoli. La toccante lettera di Kalidou Koulibaly

√à un Kalidou Koulibaly a tutto tondo quello che si è raccontato tramite una lettera dal titolo “Siamo tutti fratelli” diffusa da The Player’s Tribute.

Il difensore senegalese racconta la sua affasciante avventura, dall’infanzia in Francia fino ad arrivare ai piedi del Vesuvio. Tanti i retroscena sveltati dalla roccia azzurra. Il primo tema toccato è quello legato al razzismo: La prima volta che ho vissuto un vero atto di razzismo nel calcio è stato contro la Lazio alcune stagioni fa. Ogni volta che prendevo palla, sentivo i tifosi fare dei versi. Ma non ero sicuro, pensavo che stessi immaginando tutto. La partita è andata avanti e ho realizzato che alcuni supporter della Lazio facevano versi di scimmia ogni volta che toccavo palla. √à impossibile sapere cosa fare in quel momento. Avrei voluto uscire dal campo, ma poi mi sono detto che quello era esattamente ciò che volevano. Ti senti ferito. Ti senti insultato. Onestamente, arrivi ad un punto in cui ti senti praticamente imbarazzato di te stesso. Dopo un po’, l’arbitro Irrati interruppe la partita. Mi disse: “Kalidou, sono con te, non preoccuparti. Fermiamo questi cori. Se non vuoi finire la partita, fammi sapere”. Ma gli risposi che volevo finire la partita. Lo speaker fece l’annuncio e, dopo tre minuti, continuammo a giocare. Ma i canti non si fermarono. Dopo il fischio finale ero molto arrabbiato. Poi mi sono ricordato che prima della partita c’era un bambino che mi aveva accompagnato in campo che voleva la mia maglia. Promisi di consegnargliela dopo la gara. Cos√¨ l’ho cercato e trovato sugli spalti per regalargli la maglietta. E indovinate qual è la prima cosa che mi ha detto?: “Mi dispiace molto per quello che è successo”. Un piccoletto si stava scusando per non so quanti uomini adulti. Questo è lo spirito di un bambino. Questo è ciò che ci manca nel mondo in questo momento”.

L’infanzia trascorsa in Francia: Sono cresciuto in una città francese chiamata Saint-Di√©, dove c’erano molti immigrati: senegalesi, marocchini, turchi. I miei genitori venivano dal Senegal. Mio padre è arrivato per primo in Francia, era un boscaiolo. Ma prima di ottenere quel lavoro, venne a Parigi senza documenti e lavorò in una fabbrica tessile. Sette giorni alla settimana. Lo ha fatto per cinque anni in modo da poter risparmiare abbastanza soldi da portare mia madre in Francia. E poi, Little Kalidou è nato a Saint-Di√©. (Il mio nome è stato scelto dal Corano). A mia madre piace raccontare una storia sulla prima volta che siamo tornati in Senegal. Avevo sei anni ed ero un po’ spaventato. Era la prima volta che incontravo tutti i miei nonni e cugini, ed è stato uno shock vedere come vivevano le persone in altre parti del mondo. Tutti i bambini giocavano a calcio senza scarpe e io ero davvero turbato da questo. Mia madre disse: “Kalidou, togliti le scarpe. Vai a giocare come loro”. Alla fine, mi sono tolto le scarpe e sono andato a giocare a piedi nudi con i miei cugini. Qui che inizia la mia storia calcistica”.

Francia-Senegal al mondiale del 2002: Ricordo che durante Francia-Senegal del Mondiale 2002 dovevamo andare a scuola. Il torneo era in Giappone, quindi c’era il fuso orario. Siamo andati tutti nel cortile della scuola e abbiamo giocato a calcio come se fosse la finale dei Mondiali. Poi siamo tornati in classe. La partita era alle 14:00. Alle 13:59, il nostro insegnante disse: “Dai, aprite i libri”. Ma nessuno pensava a leggere. Stavamo pensando a Henry, Zizou, Diouf. Passano due minuti, poi tre. Il maestro guarda l’orologio e dice “Mettete tutti da parte i libri. Ora guarderemo un film educativo, che sono sicuro tutti troverete molto noioso”. Prese il telecomando e selezionò il canale della partita, poi disse: “Questo sarà il nostro segreto. √à stato uno dei momenti più belli della mia vita. C’erano 25 bambin in classe – turchi, marocchini, senegalesi, francesi – ma eravamo tutti insieme. Ricordo cos√¨ chiaramente dopo la vittoria del Senegal, tornando a casa dopo la scuola, vedevo tutti i genitori dei miei amici senegalesi che ballavano per strada. E poi, perch√© tutti erano cos√¨ felici, anche i genitori dei turchi e dei francesi iniziarono a ballare con loro. Questo è il calcio, questo era il mio quartiere. Puoi avere tutto nella vita: soldi, macchine bellissime. Ma non puoi comprare da nessuna parte queste tre cose: amicizia, famiglia e serenità.

Il retroscena con Rafa Benitez, tecnico spagnolo che decise di portarlo al Napoli: Ero in Belgio e giocavo per il Genk. Il mio amico Ahmed sarebbe dovuto stare a casa mia per qualche giorno. Ero in stazione ad aspettarlo e ricevo una telefonata da uno strano numero. Rispondo, in inglese: “Ciao? Chi è?”. La voce dice: “Ciao, sono Rafa Ben√≠tez” e io dico: “Dai, Ahmed, smettila di giocare. Ti sto aspettando”. Riattacco il telefono. Mi chiama di nuovo e seccato rispondo: “Ahmed, smettila. Sono qui. Quando arrivi?”. Lui: “Ti saluta? Sono Rafa Ben√≠tez”. Riattacco il telefono e poi ricevo una chiamata dal mio agente, che mi dice che Rafa Benitez mi stava cercando. Allora, lo chiamò per spiegargli la situazione. E lui successivamente chiamò ancora. Mi fece tante domande: “Hai una ragazza, ti piace andare a far festa, conosci la città, i giocatori?. Dissi: “Bene, signore, conosco Ham≈°√≠k?”. La verità è che in realtà non conoscevo i giocatori o niente della città, ma ovviamente conoscevo Rafa Ben√≠tez e sono rimasto molto impressionato da tutto ciò che ha detto. Chiamai subito il mio agente e dissi: “Fai tutto ciò che devi fare. Andiamo a Napoli.

L’accoglienza del patron Aurelio De Laurentiis: Sono stato accolto dal presidente, il signor De Laurentiis, nel corridoio. E penso che questo dica tutto del Napoli e del club. Mi guarda in modo divertente e dice “Oh, tu sei Koulibaly?”, dico: “S√¨, sono Koulibaly”. E lui: “Ma tu non sei alto? Non sei 1,92 metri? “, io rispondo: “No, signor presidente, sono 1,86 metri”. Dice “Accidenti! √à scritto ovunque che tu sei 1,92! Dovrò parlare con Genk e recuperare dei soldi! “. Ma incalzo: “Va tutto bene, signor presidente, paghi l’intero importo. Ti restituirò ogni centimetro sul campo, non preoccuparti”.

Koulibaly continua: Dopo le visite mediche Benitez mi portò fuori a pranzo. Prima ancora di vedere i menù, prese tutti i bicchieri da vino dagli altri tavoli. Li stese sul tavolo e disse: “Ora ti mostro le nostre tattiche. Ma devi fare due cose molto velocemente: capire gli schemi e imparare l’italiano. Quando sono arrivato in Italia, ero un ragazzo. Sono diventato un calciatore migliore, perch√© ho imparato le tattiche di alto livello. Ma la cosa più importante è che sono diventato un uomo di famiglia e un vero napoletano. Anche quando torno a casa in Francia, i miei amici non mi chiamano “il senegalese” o “il francese”. Dicono: “Ah, ecco che arriva il napoletano”. Napoli è una città che ama le persone. Mi ricorda l’Africa a causa di tutto il calore. Le persone non si limitano a guardarti oltre. Le persone vogliono raggiungerti e toccarti, vogliono parlare con te. Le persone non ti tollerano, ti amano. I miei vicini, mi considerano un figlio. Da quando sono a Napoli, sono come un altro uomo. Sono davvero in pace”.

La nascita del figlio Seni e l’aneddoto con mister Sarri: La cosa più bella è che mio figlio è nato qui. E non dimenticherò mai quel giorno, perch√© è una storia folle che riassume tutto su Napoli. Mia moglie era andata in clinica la mattina e la sera avremmo dovuto giocare contro il Sassuolo in casa. Stavamo analizzando in video la sfida e il mio telefono continuava a vibrare. Di solito lo spengo, ma ero preoccupato per mia moglie. Mi ha chiamato cinque o sei volte. Il nostro allenatore era Maurizio Sarri. √à un uomo molto serio, quindi non volevo rispondere. Alla fine, corsi fuori e presi il telefono e mia moglie disse: “Devi venire adesso. Nostro figlio sta arrivando”. Vado da Sarri e dico “Mister, mi dispiace ma devo andare. Mio figlio sta arrivando”, lui mi guarda e dice: “No, ho bisogno di te stasera, Kouli. Ho veramente bisogno di te. Non puoi andare”. Gli dico che non potevo perdermi la nascita di mio figlio, anche a costo di una sospesione. Alla fine mi diede il via libera, dicendomi che sarei dovuto tornare per la partita. Corsi in clinica il più velocemente possibile. Se non sei mai stato un padre, non puoi capire questa sensazione. Non puoi perdere la nascita di tuo figlio. Sono arrivato alla clinica a mezzogiorno e, grazie a Dio, alle 13:30 è nato un piccolo napoletano. L’abbiamo chiamato Seni. E ‘stato il giorno più bello della mia vita. Alle 16:00, ho ricevuto una chiamata da Sarri: “Kouli ?! Stai ritornando?! Ho bisogno di te! Ho veramente bisogno di te! Per favore!. Mia moglie stava ancora riposando e probabilmente aveva anche bisogno di me. Ma non volevo lasciare i miei compagni di squadra, perch√© li amo, davvero. E adoro la città di Napoli. Ricevuta la benedizione di mia moglie vado allo stadio. Quindi mi preparo a giocare, Sarri entra nello spogliatoio e mi consenga il foglio della formazione. Ma il mio numero non c’è. Dico: “Mister, ma stai scherzando?”, lui risponde: “Cosa? √à una mia scelta”. E allora io: “Mio figlio, mia moglie. Li ho lasciati. Hai detto che avevi bisogno di me!”. E lui concluse: “S√¨, abbiamo bisogno di te in panchina”. Ci penso adesso e voglio ridere. Ma al momento, volevo piangere. Forse si può pensare che questa sia una storia negativa. Ma per me, questa storia è tutto ciò che amo del Napoli. Se devo spiegarlo, non lo capirete. √à come cercare di spiegare uno scherzo. Dovete solo venire in città per sentirlo. √à pazzesco”.

Il difensore senegalese conclude: Forse mi conoscete un po’ in più adesso. Sono un calciatore, si. Sono un calciatore nero. Ma questo non è tutto ciò che sono. Sono musulmano. Sono senegalese. Sono francese. Sono un napoletano. E sono un padre. Sono stato in tutto il mondo, ho imparato molte lingue e ho aperto molte porte. Sono stato fortunato a guadagnare molti soldi. Ma vi ricorderò di nuovo la lezione più importante che abbia mai imparato. Ci sono tre cose in questo mondo che non potete comprare da nessuna parte: amicizia, famiglia e serenità. Questo è ciò che abbiamo capito a Saint-Di√©, da bambini. Questo è ciò che voglio che sia compreso da mio figlio. Questo è quello che spero che quelle persone che urlano contro di me ricordino, un giorno. Forse siamo diversi, s√¨. Ma siamo tutti fratelli”.

 

Redazione

Condividi