Napoli. De Laurentiis: “Felici dell’arrivo di Osimhen”

Dopo l’ufficialità del trasferimento di Victor Osimhen al Napoli (CLICCA QUI), a parlare dell’ingente operazione mandata in porto dalla società azzurra è stato proprio il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Queste le dichiarazioni del patron dei partenopei ai microfoni di Sky Sport: “Osimhen lo seguivamo da tempo. Lo volevano sia Gattuso che Giuntoli, e mi hanno convinto a fare questo sacrificio da 70 milioni di euro. Con i bonus si arriverà a ottanta milioni, e se consideriamo lo stipendio che percepirà nel corso degli anni si supereranno abbondantemente i 100 milioni. È un giocatore dal quale non ci aspettiamo tutto e subito. Non è un calciatore da 25-30 gol a stagione, ma dovrebbe esprimere un gioco straordinario per la squadra, segnando gol e facendone fare anche ai compagni di squadra. Futuro di Milik? È sul mercato da sempre. Da quando lo conosco gli chiedo di allungare il contratto, lui mi guarda e non risponde. E allora devi prendere atto che deve andare via. Andrà via al miglior offerente, perché non farò sconti a nessuno. Altrimenti rischierà di restare a Napoli e probabilmente non rientrerà più nelle scelte dell’allenatore. Rinnovo Gattuso? Il nuovo ciclo è iniziato nuovamente con Gattuso. Lui è un uomo vero ma anche un grande calciatore vincente che non ha voglia di rivincita né economiche né sociali. Siamo molto simili. Rinnovo? Se si troverà bene il matrimonio potrà continuare, se invece non si sentirà garantito non vedo perchè dovrei costringerlo a rimanere. Per me è l’iniziatore di un ciclo. Koulibaly?Kalidou è un’ottima persona, certo che mi dispiacerebbe perderlo. Poi c’è un tempo per tutto, anche per separarsi. Ma 90 milioni sul tavolo non ci sono e comunque bisogna essere in due per separarsi. Scudetto della Juventus con Sarri? Era una normalità, vi siete stupiti?. Sarri rimane nel mio cuore per quei tre anni insieme, gli devo sempre dire grazie. Poi ognuno di noi fa delle ca…., ma è un problema suo. Peccato, se fosse rimasto magari avremmo vinto lo scudetto. E lui ha deciso di andare altrove per non rovinare la sua storia qui a Napoli. Per non rischiare”.

 

 

 

Condividi