Napoli. Braccio di ferro con Milik: il polacco adesso vuole restare

Adesso è muro contro muro tra il Napoli del presidente Aurelio De Laurentiis e Arek Milik. L’attaccante polacco degli azzurri, dopo la mancata convocazione per il match amichevole andato in scena ieri allo stadio San Paolo contro il Pescara (CLICCA QUI), ha comunicato alla società partenopea di voler restare all’ombra del Vesuvio.

Le offerte arrivate sono state ritenute dalla punta ex Ajax poco soddisfacenti ed è per questo che ha deciso di rimanere in maglia azzurra.  Tuttavia, il club campano anche attraverso le parole rilasciate nel post gara di Napoli-Pescara da mister Gennaro Gattuso ha fatto sapere che sarà difficile adesso trovare spazio per il calciatore polacco classe 1994, in scadenza di contratto nel 2021. L’obiettivo di Milik sarebbe quello di restare per poi liberarsi a zero. Con gli arrivi di Victor Osimhen e Andrea Petagna, sarà adesso complicato per Arek Milik riuscire a farsi largo vista la presenza in rosa di diversi centravanti.

Ha parlato in modo chiaro e schietto nella giornata di ieri il tecnico azzurro riguardo alla situazione di Arek Milik: “L’anno scorso siamo stati chiari con lui sia io che la società. Volevamo che rinnovasse il suo contratto con noi, ma non ha voluto. Adesso in rosa abbiamo acquistato due attaccanti, quindi bisognerà trovare una soluzione altrimenti non sarà facile”.

 

 

Nunzio Marrazzo 

Condividi