Napoli. Approvata la delibera, il San Paolo diventa Stadio Diego Armando Maradona

Adesso è realtà, lo stadio del Napoli cambia nome. Nonostante la lettera inviata da don Salvatore Giuliano, parroco della basilica di San Giovanni Maggiore, al cardinale Sepe per mantenere intatto il nome San Paolo (CLICCA QUI), l’impianto cittadino è stato ufficialmente intitolato alla leggenda Diego Armando Maradona, scomparso prematuramente diversi giorni fa.

La notizia è stata annunciata stamani dal comune di Napoli al termine della riunione di Giunta in cui appunto è stato dato il via libera al cambio di nome dello stadio di casa del Napoli di Aurelio De Laurentiis. La delibera, approvata all’unanimità, sancisce l’intitolazione dello stadio San Paolo a El Pibe de Oro con la denominazione “Stadio Diego Armando Maradona” grazie all’autorizzazione del Prefetto della Provincia di Napoli.

Il sindaco Luigi De Magistris ha ribadito che “mai nessuno è riuscito ad immedesimarsi in modo così completo nel corpo e nell’anima di Napoli, con la quale Maradona ha condiviso la genialità e l’unicità, ma anche la sregolatezza e i tormenti che lo hanno reso vero figlio della città”. La delibera è stata proposta dallo stesso sindaco, dall’assessore alla toponomastica Alessandra Clemente e firmata quest’oggi da tutta la Giunta Comunale, che si è riunita a Palazzo San Giacomo.

Nell’atto ufficiale dell’Amministrazione comunale di Napoli Diego Armando Maradona viene ricordato come “il più grande calciatore di tutti i tempi, i cui altissimi meriti sportivi sono stati tra l’altro riconosciuti con la nomina ad ambasciatore della FIFA, che con il suo immenso talento e la sua magia, ha onorato per sette anni la maglia della squadra del Napoli, regalandole i due scudetti della storia e altre coppe prestigiose, e ricevendo in cambio dalla città intera un amore eterno e incondizionato”.

 

Nunzio Marrazzo