Melfi. Il campano Sorriso: “Qui da Dio, spero di tornare presto”

Una faticaccia trovare una squadra che puntasse su di lui e non certamente a causa della mancanza di qualità tecniche- Per Ambrogio Sorriso, riuscire ad accasarsi è stata quasi una crociata in questa turbolenta estate da Covid-19. Saltato l’accordo con l’Angri, sono state le società che hanno chiesto di lui, ma niente di soddisfacente. Poi la chiamata dal Melfi.

In Lucania l’ala sinistra ex Città di Gragnano e Palmese ha trovato la sua nuova dimensione. Un’avventura in Eccellenza per l’esterno, ma con addosso una maglia blasonata e abbastanza pesante. Quella dei gialloverdi. Il Melfi, infatti, reduce dal fallimento degli scorsi anni e dalle varie nubi tempestose che lo hanno attanagliato, sembrerebbe aver trovato pace e una base su cui ripartire.

Obiettivo la promozione in Serie D, Coronavirus permettendo. “Qui sto da Dio -commenta ai nostri microfoni l’attaccante- Non vedo l’ora di tornare in campo. Voglio restare qui. Spero di vincere il campionato. Non ho avuto modo di ringraziare il presidente e il direttore che mi hanno dato fiducia, lo faccio adesso. Li ringrazio perchè a Melfi nonostante sia Eccellenza sembra di essere in Serie C”.