Livorno-Atalanta 1-0. Paulinho decide l’antipasto di serie A

Il Livorno ha vinto, per 1-0, l’anticipo di pranzo della undicesima giornata del campionato di serie A.
I toscani, all’Armando Picchi, hanno superato l’Atalanta, grazie ad un’altra prova di carattere, alla vena realizzativa di Paulinho e ad alcune discutibili decisioni dell’arbitro Russo, reo di non aver sanzionato ed espulso, al 27′, Emerson e di aver successivamente lasciato in dieci gli orobici (rosso a Carmona al 34′ per una dubbia doppia ammonizione). Nei padroni di casa, orfani degli infortunati Botta, Belingheri, Biagianti e Mosquera e degli squalificati De Lucia e Schiattarella, Davide Nicola ha optato per il collaudato 3-5-2, con Rinaudo al centro della difesa, con Emerson riportato a centrocampo, al fianco di Greco e Luci, e con Siligardi a far coppia con Paulinho in avanti.Ancora piu’ rimaneggiati, in chiara emergenza, gli ospiti, privi dei malconci Yepes, Lucchini, Bellini, Giorgi, Bonaventura e Brienza e dello squalificato Stendardo, con Stefano Colantuono costretto a cambiare schema di gioco (3-4-1-2 iniziale) e soprattutto a inventare la difesa, composta da Scaloni, Migliaccio e Canini.Brillante l’avvio del Livorno: al 1′ Siligardi ha impensierito Consigli; all’11’ Paulinho (servito da Greco) ha realizzato la rete decisiva, con un diagonale imparabile. Nella ripresa gli amaranto hanno sfiorato il colpo del 2-0 (salvataggio sulla linea di porta di Scaloni al 3′ e palo di Duncan al 43′); mentre gli ospiti (a causa anche della inferiorita’ numerica) hanno creato pochissimi grattacapi a Bardi e ai tifosi toscani, festanti a fine match. Tornano in Lombardia infuriati, al contrario, Colantuono e il suo staff, molto polemici per le decisioni arbitrali. (agi.it)

Condividi