Lazio. Lotito: “Mal di pancia dei tifosi? Prendano Alka Seltzer…”

“La Lazio e’ l’unica societa’ che non si e’ privata dei propri gioielli, pur avendo ricevuto tante offerte. Ha speso 28 milioni e ha composto una rosa che e’ nelle condizioni di essere competitiva in tre competizioni, con ricambi di altissima qualita’ in ogni ruolo: abbiamo 22 titolari. Se i tifosi hanno mal di pancia prendano un Alka-Seltzer”. E’ la dura presa di posizione del presidente della Lazio, Claudio Lotito, a margine della presentazione della maglia celebrativa dei biancocelesti, in occasione del centenario della nascita di Silvio Piola, avvenuta oggi presso il Circolo Canottieri Aniene, a Roma. Il patron del club capitolino ce l’ha con quei tifosi che criticano il mercato della Lazio e all’apice del malcontento popolare c’e’ il mancato arrivo di Burak Yilmaz. “Non era nei nostri piani – ribadisce Lotito – ci e’ stata presentata questa opportunita’, chiaramente non precostituita, ma non ci sono state le condizioni. Continuero’ ad accrescere le potenzialita’ di questa squadra nel rispetto dell’equilibrio economico finanziario, non faro’ fallire la societa’, per ascoltare le voci di persone incompetenti”. A nutrire disappunto, piuttosto, e’ Lotito, infuriato con coloro i quali non vanno allo stadio la domenica e poi criticano l’operato della societa’. “Gli scontenti ci sono sempre: non si possono accontentare tutti. Il primo scontento sono io: perche’ la gente non viene allo stadio. Se viene contribuisce alle sorti della societa’, se non viene non puo’ parlare”, ha tuonato il numero uno laziale. Che ne ha una per tutti, anche per il Chievo e il suo ds Sartori, in merito alla questione legata al portiere Berisha. E al ds gialloblu, che aveva escluso una presenza in panchina domenica dell’estremo difensore conteso tra i due club, Lotito risponde stizzito. “Non parlo con i direttori sportivi, al massimo parlo con i miei omologhi. Sorrido perche’ penso di conoscere molto bene le norme sportive, visto che sono un organo deputato a farle applicare, e ritengo che non ci sia nessun presupposto per fare ricorso. Non mi pongo il problema, visto il rapporto di amicizia e stima reciproca con Campedelli”. Per l’occasione, il presidente biancoceleste ha anche parlato di Silvio Piola e del suo passato alla Lazio. “290 gol sono tantissimi – ha spiegato Lotito – e’ il goleador piu’ importante del calcio italiano. E 143 li ha realizzati con la maglia della Lazio: siamo orgogliosi di averlo avuto nella nostra societa’”.

agi.it

Condividi