L’Agropoli guarda al futuro: nasce il settore giovanile

L’U.S.Agropoli pensa al futuro. La società di patron Cerruti, una volta avviate le attività della prima squadra che punta ad ambiziosi traguardi nel campionato di serie D, continua nel suo progetto di crescita puntando sui giovani. Nei giorni scorsi sono iniziati gli allenamenti del settore giovanile bianco-azzurro che quest’anno si presenterà ai nastri di partenza con tante novità. I delfini hanno infatti definito la fusione con la scuola calcio Scus Agropoli, una delle più importanti realtà del panorama sportivo locale che si occuperà della crescita dei giovani calciatori per prepararli, un giorno, a vestire la maglia della prima squadra. Cinque le formazione che comporranno il settore giovanile: Juniores Nazionale (nati negli anni 1995 e 1996), Allievi regionali A (1997), Allievi regionali B (1998), Giovanissimi regionali A (1999), Giovanissimi regionali B (2000).

Il ruolo di responsabile del settore giovanile è stato affidato a Gennaro Russo, con lunga esperienza da allenatore con i ragazzi. Oltre al settore giovanile l’U.S.Agropoli potrà contare anche su una Scuola Calcio che si occuperà dei più piccoli: Esordienti (nati negli anni 2001 e 2002), Pulcini (2003, 2004 e 2005) e Piccoli Calci (2006, 2007, 2008) per i quali sono stati organizzati dei corsi gratuiti.

“L’intesa con la Scus Agropoli, che ora diventerà parte integrante della nostra società – spiega il presidente Domenico Cerruti – mira a gettare le basi per un settore giovanile importante che possa nei prossimi anni fornire anche dei ragazzi alla prima squadra. Questo territorio – continua il massimo dirigente dei delfini – ha negli anni prodotto sempre ottimi calciatori e vogliamo che questo trand continui a crescere perch√© puntiamo tantissimo sui giovani e vogliamo avere in rosa ragazzi del nostro territorio”.

“Ringrazio la Scus Agropoli con tutto il suo staff per aver portato a termine questo accordo che cercheremo nel tempo di estendere anche ad altre scuole calcio, con alcune delle quali abbiamo già un accordo di affiliazione”.

Condividi