Juventus. Sarri, tentativo dei bianconeri per la risoluzione: il tecnico non fa sconti

Un mese è passato dall’esonero di Maurizio Sarri dalla panchina della Juventus, con Andrea Pirlo che prontamente ha preso il suo posto alla guida dei bianconeri. Un mese in cui di Sarri sembrano perse le tracce, un mese di silenzi forse per rimurginare su quell’interruzione del rapporto, nonostante lo scudetto vinto, il primo della sua carriera.

Secondo quanto riportato dal Corriere di Torino, negli ultimi giorni ci sono stati contatti tra il tecnico di Figline Valdarno e la dirigenza bianconera, intenzionata a trovare un accordo per la risoluzione del contratto. L’ex Napoli, però, non è intenzionato a fare sconti e resterà a libro paga della Juventus per un’altra stagione percependo 6 milioni. Al termine della stessa potrà poi essere pagata una penale di 2,5 milioni, da parte dei bianconeri, per interrompere in anticipo il contratto nel suo ultimo anno.

Lo stesso quotidiano piemontese rivela alcuni retrocescena su una frase del tecnico al momento dell’addio: “Voi mi mandate via, ma questa squadra è inallenabile” – avrebbe detto Sarri.

 

Condividi