Juve Stabia. Caserta: “Penso solo alla salvezza, nessun accordo con un’altra società”

La partenza post Covid-19 della Juve Stabia può essere definita senza dubbio disastrosa. Il lungo stop forzato ha influito e come sulla condizione sia fisica che mentale delle vespe di mister Fabio Caserta. A confermarlo sono i risultati ottenuti nelle prime uscite dopo l’emergenza Coronavirus.

Nelle ultime gare, in cui i gialloblù hanno affrontato Pescara, Livorno e Benevento, la Juve Stabia non è riuscita a raccogliere nessun punto salvezza, rimediando la bellezza di tre ko consecutivi. Quella che lascia più sconforto è senza dubbio la sconfitta incassata con gli amaranto, squadra che si è imposta anche all’andata sulle vespe. Una stangata amara visto sopratutto il terremoto avvenuto nella giornata di ieri nella società toscana, ultima in classifica. Il patron del club amaranto, Aldo Spinelli, ha deciso di non prolungare i contratti dei calciatori in scadenza il 30 giugno, tagliando fuori mezza rosa. La giustificazione del patron è stata: “Oramai siamo in Serie C”. Quanto accaduto fa risultare ancora più scottante la sconfitta incassata dalla Juve Stabia. Le vespe, dopo questo avvio da horror, sono sprofondate in 15esima posizione, a -2 dalla zona play-out e a -5 dalla retrocessione diretta.

La squadra gialloblù ha un necessario bisogno di punti per riprendere la marcia verso la salvezza. Serve un segnale forte e chiaro per riportare in casa Juve Stabia serenità, consapevolezza e determinazione. Caratteristiche che prima del blocco dei campionati, le vespe mettevano in mostra con grande frequenza. A lanciare un segnale per compattare l’ambiente in vista delle ultime e cruciali gare per la Juve Stabia ci ha pensato proprio mister Fabio Caserta attraverso una conferenza stampa indetta ai microfoni ufficiali del club gialloblù: “Questo messaggio voglio rivolgerlo all’intera città. In questo momento così delicato abbiamo un necessario bisogno che la gente ci stia vicino. Vorrei precisare alcune cose. Io ho sempre messo la faccia. Non sono accordato con nessun’altra squadra. Sto pensando al presente e a queste partite che sono importanti per me e per la città. Non ho tempo di pensare ad altro. Abbiamo sette partite a disposizione per mantenere la categoria, io sono concentrato solo su questo. Avevo anche una clausola con la società al 30 giugno e potevo anche esercitarla se volevo. È mio dovere far capire a tutti l’importanza di queste sette partite. Ho il massimo rispetto per la società, non penserei minimamente ad accordarmi con un altro club. Il mio obiettivo è solo di voler ottenere la salvezza. Il legame che c’è tra me e questa città è speciale e non permetto a nessuno di rovinarlo. Le critiche le prendo, ma non accetto che mi si dica che ho un accordo con un’altra società. Ai tifosi dico che devono starci vicino. Ci tenevo a precisare queste cose perché di me si stava dicendo troppo. Noi dobbiamo pensare solo a lavorare. Solo remando tutti nella direzione si potrà raggiungere la salvezza”.

 

 

Nunzio Marrazzo 

Condividi