Jorit contro il Coronavirus: raccolti più di 14mila euro con l’opera dedicata al dottor Ascierto

Si è conclusa con grande successo la lodevole iniziativa allestita dallo street artist Jorit Ciro Cerullo, conosciuto comunemente come Jorit. L’artista partenopeo, noto per le sue opere in cui ritrae volti di fama mondiale, giorni fa è sceso in prima linea in questa ostica battaglia al Coronavirus promuovendo una splendida iniziativa per dare il proprio contributo alla struttura ospedaliera del Pascale di Napoli e alla Regione Lombardia.

Infatti, Jorit ha sfruttato la sua spettacolare vena artistica per dare vita ad un bellissimo dipinto dedicato al professor Antonio Paolo Ascierto, ricercatore italiano e oncologo presso l’istituto Pascale di Napoli, tuttora alle prese con la lotta al Covid-19. Tale dipinto è stato messo all’asta su blindarte.com, appunto, per raccogliere fondi da destinare a medici e infermieri del Pascale di Napoli e alla Regione Lombardia, zona più colpita da questa brutta epidemia. L’asta, chiamata ArtToStopCovid19, si è conclusa proprio oggi ed aggiudicarsi la magnifica opera artistica di Jorit è stato proprio un napoletano. A vincere l’asta è stato Mario Morra, conquistando la splendida opera dedica al professor Ascierto per 14.400 euro.

Lo stesso Jorit, attraverso i propri canali social, ha tenuto a rendere noto il magnifico traguardo raggiunto e ringraziare tutti quelli che hanno contributo per far sì che l’asta andasse per il verso giusto: “Ho appena saputo che l’asta è chiusa: il dipinto è stato battuto a 14.400 euro. Sono contento che ad aggiudicarsi l’opera, dando un contributo concreto alla lotta di medici, infermieri e personale sanitario contro il Covid-19, sia un napoletano, Mario Morra, che si occupa di turismo, un settore come molti altri duramente colpito da questa emergenza sociale e economica oltre che sanitaria. Segno che nessuno si salva da solo: ne usciremo solo comportandoci tutti finalmente da “comunità”. Metà dell’importo è già stato versato al Pascale e la restante metà andrà alla Regione Lombardia. Grazie a blindarte per aver reso possibile tutto questo”.


Nunzio Marrazzo