Intervista a mister Jacopo Leone: “Dopo il Salernum, pronto a rimettermi in gioco”

L’allenatore ex Salernum Baronissi, Jacopo Leone, è pronto a rimettersi in gioco. Leone è stato fino a poche settimane fa l’allenatore più giovane della categoria, a soli 36 anni. La scorsa stagione ha portato il Salernum Baronissi ad una salvezza più che tranquilla, esprimendo un calcio piacevole e sempre vivace. Jacopo Leone ha rilasciato tali dichiarazioni ai nostri microfoni:

L’ESPERIENZA AL SALERNUM: “Sono stati anni bellissimi alla guida di questa squadra. Credo parlino i numeri: abbiamo vinto il campionato con tanti giovani promettenti, poi la società si è impegnata per costruire una squadra all’altezza del campionato di Eccellenza. A 36 anni sono uno degli allenatori più giovani della categoria e per questo devo ringraziare il Salernum Baronissi che la scorsa stagione mi ha messo a disposizione un mix di giovani e calciatori d’esperienza, che hanno disputato un grande campionato. L’anno scorso abbiamo dato filo da torcere a tutte le squadre del campionato, perché abbiamo giocato da vera squadra nonostante il campionato molto competitivo. Purtroppo l’inizio di questa stagione non è stata delle migliori e la sconfitta contro la Virtus Avellino ha segnato il mio esonero.”

CALCIATORI DI ESPERIENZA E UNDER: “Per me è fondamentale che calciatori over diano una mano ai giovani per emergere. Ho avuto la fortuna di allenare calciatori come Santonicola, Cammarota e altri che si sono comportati da veri leader nei confronti dei giovani. Purtroppo non è sempre così dato che alcuni calciatori d’esperienza tendono a guardare i giovani con particolare distacco e ciò mi dispiace.”

L’ATTUALE CAMPIONATO E LA SQUADRA PIÙ INTERESSANTE: “Lo scorso campionato, a mio avviso, era meno livellato rispetto a quello di quest’anno. La Sarnese è sicuramente la squadra più attrezzata a vincere il campionato, ma, dietro di essa, la situazione è abbastanza equilibrata. Prima del mio esonero ho incontrato tutte le big del torneo (tranne la rivelazione Castel San Giorgio) e devo dire che la squadra che mi ha più impressionato è la Virtus Avellino. La squadra irpina gioca un calcio veloce, propositivo e da vera squadra (un po’ come facevamo noi al Salernum la scorsa stagione). Mi meraviglia, inoltre, che la Virtus Avellino giochi un calcio di alto livello soprattutto in trasferta, chissà dove potrà arrivare… ”

IL FUTURO DI MISTER LEONE: “Nonostante i miei 36 anni sono un allenatore determinato che sta studiando molto. Ho scelto questa professione con passione e serietà e vorrei possa essere quella che eserciteró per la vita. Sono sempre attento ai dettagli e agli aggiornamenti, continuo ad essere sul pezzo anche in questa fase di stop. Sto seguendo corsi di aggiornamento con il grande Emilio De Leo, sto studiando lingue e analizzando alcuni miei errori del passato per migliorare sempre più come allenatore. Chiaramente non potrò allenare nel girone B di Eccellenza Campania dopo il mio esonero ma resto a disposizione per un nuovo progetto ed una nuova e stimolante sfida.”