Eccellenza A/B. Il commento di Mister Miserini sull’11¬∞ giornata

Terminata l’undicesima giornata di Eccellenza Campania, tra i due gironi iniziano a delinearsi dei raggruppamenti. Nel girone A, in particolare, gli accorpamenti iniziano a farsi davvero netti, grazie al livello tecnico delle squadre ed al tasso di difficoltà del girone stesso. Situazione più equilibrata nel girone B, ma anche in questo caso, le contendenti al titolo restano più in disparte rispetto alle squadre nelle posizioni più basse della classifica.

La situazione e la giornata del campionato è stata commentata da mister Marco Miserini, in esclusiva per la nostra redazione.

“Parto dal commentare la partita della prima in classifica. Il Savoia, ospite a Casal di Principe, contro la Real Albanova ha dimostrato ancora una volta di dominare il campionato. La squadra di Potenza è alla sesta sconfitta consecutiva, ma mi auguro che riesca ad uscire da questo momento difficile. Il risultato è stato di 5 a 1 per la squadra di Fabiano e hanno mantenuto le aspettative ed il pronostico. Il Savoia ha una grande squadra e un reparto offensivo di livello, L’Afragolese è tornata al successo e mantiene la corsa della capolista e del San Giorgio, i rossoblu hanno ritrovato il loro giocatore più importante, Carotenuto e rifilato una cinquina al Real Forio. Si sono avvicinati, ma dietro il Savoia resta comunque una bagarre per i posizionamenti in zona play-off. Quella che sta un po’ deludendo è il Casalnuovo. Dopo essere stato eliminato dalla Coppa Italia si è fermato al pareggio contro il Portici. Una partita spettacolare, ma la squadra granata sta passando un momento un po’ complicato e deve riprendersi subito se non vuole allungare la distanza dalle altre e rimanere attaccata ai play-off. Altra squadra al di sotto delle aspettative è la Sessana, che forse si sta concentrando di più per vincere la Coppa Italia e in campionato ne risente. Il pareggio contro la Virtus Volla fa emergere questo. In settimana ha giocato contro i granata di Citarelli e forse questo ha fatto perdere un po’ di smalto alla squadra. Il Volla è una squadra di buon livello, ma la differenza tecnica è evidente e la Sessana avrebbe dovuto vincere. Subito dietro il Savoia c’è una grande sorpresa, il San Giorgio, che ha vinto contro il Casagiove con un risultato molto pesante (5-0, ndr). Devo fare i miei complimenti a mister Sarnataro, mio grande amico, che sta riuscendo a fare davvero bene. Per loro è la sesta vittoria consecutiva, dopo la scorsa stagione e nonostante i grandi cambiamenti fatti stanno riuscendo a far sentire la loro voce nel campionato. Il Procida ha fatto un passo falso contro la Mariglianese e sta rischiando di perdere ancora punti, ma la sconfitta subita sabato non è assolutamente meritata. Iniziando a scendere la classifica le distanze si allungano. Nel girone A sono già presenti degli accorpamenti molto chiari e il mercato potrebbe ampliarli, se non si sfrutta bene l’occasione di rinforzarsi. Il Mondragone, a metà classifica, ha ottenuto una buonissima vittoria contro il Pimonte, utile per il miglioramento della classifica, ma soprattutto per uscire dalla zona play-out. La stessa considerazione va fatta proprio per la Mariglianese che ha fatto il colpo contro il Procida. Arrivo, ora, alle parti basse della classifica. L’Hermes Casagiove è la squadra più in difficoltà. Sono fermi ai tre punti ottenuti contro la Real Albanova e non riesce a togliersi da questo impasse. Il mercato in questa situazione in particolare è necessario per riuscire a mantenere vive le speranze di salvezza. Come ho detto, la Real Albanova deve riuscire a fare risultati quanto prima per non complicarsi la vita e uscire dalla zona play-out. La stessa considerazione deve essere fatta per il Pimonte e il Neapolis, quest’ultimo caduto in casa del Barano. La squadra di Monti è la seconda sorpresa di questo campionato. E’ arrivata l’anno scorso dalla Promozione e sta riuscendo a imporsi, ora è a quota 18 punti. Quindi faccio i miei complimenti proprio al tecnico -prima di concludere la disamina sul girone A il tecnico si sofferma su un giocatore che si sta mettendo sotto i riflettori- Volevo sottolineare la presenza nel Real Albanova di un giovane classe 2000. Si tratta di Antonio Illiano. L’ho portato io l√¨, ma non sono riuscito ad allenarlo perchè subito dopo è arrivano il mio esonero. E’ molto bravo, è un attaccante esterno che si sta facendo strada, è uno dei pochi classe 2000 a giocare in Eccellenza. Sono molto felice per lui e spero che riesca ad arrivare lontano” . Di nuovo sul mercato: “Come ho detto, a dicembre ci sarà l’occasione di rinforzarsi e specie le squadre nelle zone basse della classifica devono approfittarne per risolvere i loro problemi. Il distacco è molto ampio e il girone di ritorno è sempre più complicato”.

Per quel che riguarda il girone B, l’analisi del tecnico ex Savoia è più sintetica in virtù dell’equilibrio della classifica: “Il girone B, rispetto alla A, è più semplice. Le squadre sono di un buon livello tecnico, ma è decisamente più equilibrato. Fatta eccezione per le prime della classe Ebolitana, Sorrento e Audax Cervinara che hanno costruito rose di un grande tasso tecnico, le altre squadre hanno un livello più o meno molto simile e questo permette alla classifica di essere equilibrata. Non ci sono grandi raggruppamenti, fatta eccezione per il fanalino di coda, il Valdiano, che ha solo quattro punti. La forza del Sorrento si è confermata anche ieri nella vittoria al fotofinish contro la Rinascita Vico. La Battipagliese e il Nola stanno subito dietro e possono dire la loro per la qualificazione alla zona play-off, anche se il Nola ieri ha fatto un passo falso contro il Faiano, ma risultato a parte, è stata protagonista di una grande prestazione. Anche il San Vito Positano sta facendo un grande campionato. In generale, in questo girone tutto può cambiare una giornata con l’altra. Una vittoria ti può portare a metà classifica o in zona play-off e una sconfitta buttarti nei meandri della zona play-out. Comunque anche qui il mercato farà del suo alla distanza. Inoltre -conclude- mi fa piacere sottolineare un altro giovane di talento, un classe ’94, Vincenzo Maione che con i suoi gol sta trascinando il San Vito. Spero un giorno non molto lontano di vedere un’Eccellenza con tanti giovani in campo e non solo per l’obbligo impartito dal regolamento. Vorrei che le squadre puntassero di più sui giovani calciatori italiani, perchè specie in Campania ci sono tanti talenti che non riescono a trovare spazio”.

Cristina Mariano