Dinamo Sassari-Givova Scafati 86-76. Esordio amaro per Caja, terza vittoria per i sardi

Caduta con consolazione per i gialloblu di Caja in Dinamo Sassari-Givova Scafati. Logan e Bendzius si dividono il trono di MPV

Caduta rovinosa nell’esordio per Attilio Caja. Dinamo Sassari-Givova Scafati finisce con un -10 dei suoi, che nel corso del match arrivano a dover rincorrere con 20 punti di passivo. I sardi riescono a chiudere il match in proprio favore, ma David Logan strappa, almeno, lo scettro di miglior marcatore a Bendzius, dovendolo condividere con lo statunitense.

Primo tempo da dimenticare per Scafati, Sassari in fuga

Primo quarto

Sembra cominciare con un ritmo entusiasmante e inferocito il match. Pala persa per Scafati, per fallo di doppio palleggio, e primi punti che sono di marca sarda. Si va di triple nella prima fase. Le due squadre, infatti, volano dall’arco trovando un 6-6. Inizia poi la scalata dei padroni di casa. Una salita graduale per la Dinamo Sassari, che continua ad aggiungere punti dall’arco.

Uomo più pericoloso è Bendzius con che con i tiri dalla distanza è micidiale. Il massimo distacco sale, mentre Scafati non riesce a segnare, solo nel finale cambia il punteggio di Scafati, che riesce a chiudere in doppia cifra. Il primo periodo si spegne sul 22-13.

Secondo quarto

Il secondo quarto si gioca sulla falsa riga del primo. Continui cambi nel quintetto dell’esordiente gialloblù Caja, che non riesce a trovare la quadra. La formazione di casa, invece, continua a segnare quasi ad ogni tiro verso il canestro, seppur i primi punti del periodo siano di Scafati. I gialloblù soffrono in fase difensiva e non riescono neanche a concretizzare le azioni, merito di una difesa impeccabile dei sassaresi. Il passivo arriva addirittura a -17.

Nel finale allunga il punteggio la Givova, che riesce a tenere inchiodata Sassari sui 45 e racimola dalla lunetta, dove Rossato e Logan cercano di diminuire il passivo. La squadra di Caja riesce a chiudere il secondo quarto vincendo, con un parziale di 23-20. Punteggio totale che vede in vantaggio ancora i padroni di casa: 45-36.

Attimi di luce per la Givova, poi il profondo buio

Terzo quarto

Sembra entrata con un piglio diverso la Givova Scafati, che riesce in pochi minuti a risalire la china, da un -9 a un -4. Punti in serie per i gialloblu, che dopo il time-out di Bucchi, si vedono pian piano rispedire negli inferi e con un passivo ampio. La formazione di Sassari, infatti, risale velocemente a +12, con il solito Bedzius che non si arresta dalla distanza.

Ci pensa poi Jamal Johns ad allungare ancora, toccando un picco di attivo che manda nelle retrovie Scafati. Massimo vantaggio per i padroni di casa, che arrivano a +20, con tentativi degli ospiti allenati da Caja di mantenersi sempre in scia. Il periodo si chiude 23-15, con un totale di 68-51.

Quarto quarto

Givova prova a rimettersi in carreggiata, ma l’attacco di Sassari è un fermento e non sbaglia niente. Continuano ad allungare i sardi, arrivando a toccare il +23 come massimo vantaggio, ma anche il +25. Nella fase finale del match, il cuore Scafati riprende a macinare punti, cercando di accorciare con giocare del singolo Rossetti, Logan e Pinkins e con tiri liberi. Alla fine del match, la Dinamo Sassari trova la sua terza vittoria, con un punteggio di 86-76. Scafati cade per la prima volta allenata da Caja, ma riesce a rimetterti in scia accorciando sensibilmente il passivo.

Tabellino

Banco di Sardegna Sassari: Johns 19, Kruslin 2, Chessa 9, Stephens 3, Nikolic 3, Robinson 9, Gandini N.E, Devecchi 0, Treier 10, Bendzius 24, Gentile 1, Diop 6. Allenatore: Piero Bucchi

Givova Basket Scafati; Pinkins 18, Rossato 10, Butjankovs 9, Monaldi 3, Stone 9, Lamb 0, Thompson 3, Caiazza N.E., De Laurentiis 0, Landi N.E., Tchintcharauli N.E., Logan 24. Allenatore: Attilio Caja

MPV: David Logan 24 pt, Eimantians Bendzius 24 pt