Dalia Management alza bandiera bianca: “Il 30 giugno cessiamo le attività”

La Dalia Management comunica che alla fine di questa stagione non continuerà più le attività sportive. Usando un parallelismo con i calciatori, meglio smettere dopo aver fatto bene, per lasciare un ottimo ricordo.

La Famiglia Dalia voleva smettere già l’anno scorso, visto che Moschiano non offre le condizioni per continuare. Amministrazione Comunale inesistente, aspiranti sindaci assenti prima delle elezioni, figuriamoci dopo.

C’è un medico del paese (di 1.600 abitanti anagraficamente, ma in realtà sono molto meno, visto che in tanti sono emigrati), un aspirante sindaco medico, un altro politico, anch’essi medico che parlano del bene comune citando le solite belle parole, però il sabato nelle partite casalinghe di Serie B, visto l’obbligo del medico in panchina, nessuno è capace di venire e puntualmente prendiamo la multa.

Non c’è un dirigente che si offre di aiutare la squadra, pur avendo parenti (figli, fratelli o nipoti) in squadra che manifestano la loro felicità nel giocare nella Dalia Management, in un paese dove non ci sono altre attività sportive agonistiche da poter svolgere.

Quindi pur non sussistendo problemi economici, visto che la famiglia Dalia può farsi carico delle spese come fatto finora, ci sono i problemi sopra elencati che pesano come un macigno, come pesa il fatto di non veder valorizzati e apprezzati dal proprio paese i risultati sportivi, a dir poco incredibili, per un piccolo centro come Moschiano.

Quindi dal 30 Giugno smetteremo di esistere e ringraziamo chi REALMENTE ci e’ stato vicino ed ha voluto bene alla Dalia Management.

Inoltre si ringraziano tutti i tesserati che in questi anni hanno contribuito a scrivere pagine indelebili della storia della Dalia Management e di Moschiano: sarete sempre nel nostro cuore.

R.D.