Cosenza-Juve Stabia 3-1. Calò instancabile, male Addae: le pagelle delle vespe

La Juve Stabia, dopo appena un anno di distanza, fa ritorno in Serie C. I gialloblù di mister Fabio Caserta chiudono la propria stagione in cadetteria andando ko al San Vito Gigi Marulla contro il Cosenza Roberto Occhiuzzi. I gialloblù retrocedono in terza serie dopo una ripresa post lockdown da incubo fatta da 1 vittoria, 2 pareggi e ben 7 sconfitte. Le vespe sono andate al tappeto in terra calabrese per 3-1. A trascinare i rossoblù al successo, che è valso la salvezza, sono stati Riviere, protagonista con una doppietta e Sciaudone, autore della rete che ha sbloccato il match.

LE PAGELLE DELLE VESPE

PROVEDEL: si rende autore di diversi interventi prodigiosi. Non può nulla sui tre gol messi a segno dai rossoblù. Voto: 6.

FAZIO: poco deciso in disimpegno. Prova a spingere sulla corsia di competenza, ma lo fa male, risultando irrilevante. Voto: 5.

TONUCCI: rischia poco in difesa. È lui a riaprire il match, dimostrando una grande freddezza sotto porta. Voto: 6,5. Dal 73’ GERMONI: SV.

ALLIEVI: troppi i suoi errori. Uno di questo è quello commesso su Carretta che concede ai rossoblù un calcio di rigore. Si fa saltare con facilità dall’attaccante dei calabresi atterrandolo in area. Nella ripresa sfiora un bel gol di testa. Voto: 5,5.

RICCI: si rende autore di pochi spunti. Non da il giusto apporto alla manovra. Troppo timido in fase offensiva. Voto: 5.

ADDAE: mai nel vivo del match. Commette errori a dir poco grossolani che sarebbero potuti costare caro alle vespe. Voto: 4,5. Dal 56’ CISSÉ: giornata da dimenticare. Una sua svirgolata innesca la rete del 3-1 di Riviere. Voto: 5.

CALÒ: il migliore dei gialloblù. Mette in campo tanto cuore e grinta. Imposta sempre con stile e cognizione di causa. Si mette in mostra con spunti al quanto interessanti. Ci prova innumerevoli volte dalla distanza, ma trova un attento Saracco. Nella ripresa sfiora il pari e si rende autore di un grande salvataggio su Asencio. Voto: 6,5.

MALLAMO: sfoggia in campo intensità e velocità. Spinge e si inserisce con costanza, ma questo non basta per impensierire la retroguardia rossoblù. Voto: 6.

CANOTTO: partita da archiviare. Corre a più non posso, cercando di sfruttare nel migliore dei modi la sua repentina velocità. Questo però non suscita alcun pericolo alla difesa rossoblù. Ancora una volta risulta poco lucido negli ultimi metri. Voto: 5. Dal 79’ BIFULCO: SV.

FORTE: lotta fino alla fine con la retroguardia calabrese. Prova a mettere in apprensione la difesa di Occhiuzzi con i continui inserimenti senza palla. Sfiora la rete con una violenta conclusione che si stampa sulla traversa. Voto: 6.

DI MARIANO: esprime un calcio propositivo. Crea diversi grattacapi alla difesa calabrese dalle sue parti. Voto: 6. Dall’80’ ROSSI: SV.

 

 

Nunzio Marrazzo 

Condividi