Coppa Italia Dilettanti. Tra slittamento e ipotesi location, tre le papabili

Si avvicina il primo grande evento stagionale del calcio dilettantistico. Il prossimo 30 gennaio andrà in scena la finale di Coppa Italia di Eccellenza, fase regionale, tra il Giugliano e l’Audax Cervinara. Una data annunciata ieri sera dopo la decisione di farla slittare. Infatti nelle scorse settimane la data per il big match era fissata per il 23 gennaio.

Quindici giorni d’attesa, quindi, per sapere chi continuerà a rappresentare la Campania nella fase nazionale della Coppa Italia. In palio un posto per la prossima stagione di Serie D.

Data fissata, manca soltanto capire quale sarà il teatro che ospiterà la finale. Al momento sembrerebbe che siano tre gli stadi sotto valutazione. Si tratterebbe del Torre di Pagani, teatro della finale della scorsa stagione tra Nola e Savoia il Menti di Castellammare di Stabia e il Pinto di Caserta. Due stadi di calcio professionistico per la prima finale stagionale.

Ancora nulla è deciso, ma Castellammare sembrerebbe un’ipotesi lontana a causa della vicinanza a Sorrento. Contro i costieri, infatti, i tifosi dell’Audax Cervinara ebbero degli scontri negli anni scorsi, pur non esistendo una vera e propria rivalità.

Se si farà una considerazione sul criterio territoriale probabilmente si opterà per il Pinto di Caserta, distante dalle due città circa 30 chilometri. Mentre è più lontana Pagani a 57 chilometri da Giugliano e 62 circa da Cervinara. Ancora, però, è tutto in itinere e nei prossimi giorni si dovrebbe decidere il teatro della finale.

Cristina Mariano

Condividi