Città di Gragnano-Taranto 0-2. Si chiude la striscia positiva, pastai coriacei cadono con gli ionici

Il Taranto fa cadere l’imbattibilità del Gragnano lunga sette partite. Cade, quindi la squadra di Rosario Campana che si mantiene in vita fino al 78′ quando Roberti la decide con una staffilata dalla lunga distanza sulla quale nulla può Russo.

Il match è maschio, il Città di Gragnano chiude gli spazi e prova a ripartire, ma sbaglia molto sia a livello di impostazione che di disimpegno, servendo spesso e volentieri un Taranto che nonostante crei non incide in maniera particolare. partita disordinata, da ambo le parti, ma il Taranto ha dalla sua l’esperienza per proteggere e rubare palla. Il risultato si sblocca all’8′ quando Martone chiude fallosamente su Croce servito da D’Agostino. Rigore e favetta che trasforma nonostante Russo legga bene la traiettoria.

Dal canto suo il Gragnano cerca il pareggio sfiorando almeno in un paio di occasioni con Sorriso, tra gli uomini più pericolosi assieme a Padovano che con l’ingresso di Guadagno sulla fascia opposta riesce ad avanzare con maggiore facilità. Per il Taranto è proprio D’Agostino il nemico pubblico numero uno, che da ogni direzione prova a trovare lo spazio giusto per il beffare un super Russo sempre decisivo e attento.

La squadra di Rosario Campana si mantiene in partita proprio fino al 78′, quando appunto, il neo-entrato Roberti batte Russo con un tiro sul quale niente può fare l’estremo gialloblù. Nonostante il doppio vantaggio i pastai provano a siglare un gol che riaprirebbe il match e che porterebbe morale, ma non riescono a trovare lo spazio per beffare il portiere avversario.

Gragnano che si fa valere contro la terza forza del girone ma che suo malgrado esce sconfitta dal proprio campo.

Cristina Mariano

Condividi