Caso Rinascita Boscotrecase-Borbonia Felix, la ricostruzione

Nella giornata odierna vi abbiamo parlato dell’aggressione ai danni del portiere Tafuri del Borbonia Felix durante l’intervallo della gara con la Rinascita Boscotrecase, gara di campionato di Seconda Categoria.

La nostra redazione ha provato a ricostruire i fatti accaduti al Vittorio Pozzo di Boscoreale. Durante la suddetta gara, nel corso della prima frazione di giocad un litigio verbale con Polise, l’attaccante dei vesuviani. Parole grosse sarebbero volate da una e dall’altra parte, cose da campo che si dicono a caldo, insomma.

Terminato il primo tempo, un tesserato della Rinascita Boscotrecase, non un dirigente, è arrivato alle mani con il portiere avversario, colpendono con due schiaffi. Dopo il caos, il direttore di gara ha valutato prima la situazione e accertatosi che c’erano le condizioni per poter proseguire la gara ha invitato le squadre ad iniziare il secondo tempo. Solo il Borbonia Felix si è rifiutata di scendere in campo, chiedendo la vittoria a tavolino fin da subito. Gli ospiti, per la cronaca, hanno lasciato il Pozzo solo ore dopo la fine anticipata della gara, sotto scorta.

Solitamente la rinuncia a giocare, se questi motivi saranno confermati, poterà alla sconfitta a tavolino per il Borbonia Felix, mentre alla Rinascita Boscotrecase potrebbe arrivare una squalifica del tesserato, se sarà indicato, oltre ad una multa e il campo chiuso. Chiaramente il giudice sportivo territoriale giudicherà in base al referto arbitrale.

Ciò che resta da capire è cosa il direttore di gara ha trascritto nel verbale di fine gara, questo perchè in accordo tra le due società è stato scritto un altro verbale a tre firme con l’arbitro, in cui vengono spiegate le giuste motivazioni del Borbonia a non proseguire.