Caso rigore Milan-Juventus. L’AIA conferma la decisione: ecco le ragioni

Nell’edizione odierna del quotidiano La Gazzetta dello Sport, viene riportata la decisione dell’AIA sul caso rigore in Milan-Juventus, gara di andata delle semifinali di Coppa Italia. L’organo arbitrale ha valutato corretta la decisione di Valeri nel decretare la massima punizione.

Lo scorso novembre, Rizzoli aveva giudicato sbagliata la decisione di accordare un rigore al Brescia contro il Cagliari, in una situazione analoga a quella dell’altra sera, nella prima giornata di campionato. La spiegazione data è quella secondo cui Calabria avrebbe allargato braccia e gambe andando contrastare il tiro di Ronaldo, aumentando il volume del corpo, nonostante la palla arrivi dalle sue spalle. Diversamente, Cerri andò a saltare, mancando il pallone che poi rimblzò sul braccio dopo un tocco di un calciatore bresciano.

Condividi