Caso Miccoli. L’attaccante prosciolto dalle accuse di offese alla memoria di Falcone

La Commissione Disciplinare Nazionale Figc ha prosciolto Fabrizio Miccoli. L’ex calciatore del Palermo, che attualmente milita nel Lecce, era stato deferito “per avere violato i doveri di lealtà, probità e correttezza, offendendo la memoria del giudice Giovanni Falcone”. La Procura Federale aveva chiesto per Miccoli la condanna ad una giornata di squalifica e un’ammenda di 50mila euro.