Casertana. Ufficiale l’arrivo di Icardi

Arriva un’altra ufficialità in casa Casertana. Dopo Carmine Setola (CLICCA QUI), i falchetti attraverso i propri canali hanno annunciato un nuovo colpo di mercato. Si tratta di Simone Icardi. La società rossoblù del presidente Giuseppe D’Agostino ha rilevato il cartellino del centrocampista classe 1996 a titolo definitivo dalla Virtus Entella. Il calciatore di Roma, reduce da una stagione divisa tra la compagine ligure e la Robur Siena, si è legato al club campano sottoscrivendo un contratto biennale.

Simone Icardi ha dato inizio alla sua carriera nel 2014 con la maglia della Lupa Castelli, squadra nella quale ha militato prima in D (27 presenze e 3 reti) e poi in C (11 apparizioni ed un gol). Nella stagione 2016/2017 17 il passaggio al Catanzaro con cui ha collezionato 35 presenze e 3 reti. Con i giallorossi disputa una stagione e mezza per poi passare nelle fila della Virtus Entella, dove esordisce in Serie B mettendo a segno 10 presenze. Nell’annata successiva, in C sempre con la maglia dei liguri, si ritaglia un grande ruolo da protagonista nella superlativa promozione in serie cadetta (28 presenze e 2 reti). I due gol siglati in quella stagione da Simone Icardi vengono ancora ben ricordati dai tifosi della Virtus Entella, visto che arrivarono nel derby di Coppa Italia contro il Genoa. Doppietta che valse ai liguri l’accesso alla fase successiva della suddetta competizione.

Dopo la firma sul contratto, sono state queste le prime dichiarazioni rilasciate da Simone Icardi da nuovo calciatore della Casertana: “Sono stato letteralmente travolto dall’entusiasmo e dall’ambizione della società. Ancor di più dalla voglia di puntare su di me per questo campionato in cui bisognerà consolidarsi in vista del futuro. Il contratto di due anni rientra proprio in questo discorso. Arrivo qui con grandissime motivazioni e voglia di fare qualcosa di importante. Sono un centrocampista, la classica mezz’ala che ama inserirsi e trovare il gol. In carriera ne ho sempre fatti e spero a Caserta di fare ancora meglio da quel punto di vista”.

 

 

Nunzio Marrazzo 

Condividi